Il patto del lavoro, i commenti


Andare veloci,e farlo tutti insieme: istituzioni e imprese, sindacati e scuola, università e terzo settore. E’ un messaggio non solo economico ma soprattutto  ‘politico’  quello che parte dall’Emilia-Romagna e riassunto dalle tante firme raccolte  sotto il ‘Patto per il lavoro’ . Un impegno con grandi ambizioni (dimezzamento della disoccupazione da qui al 2020 con la creazione di 120mila posti di lavoro) e risorse importanti (15 miliardi) che non dimentica l’attenzione alla qualità dell’occupazione e alla legalità. L’obiettivo-nelle parole del governatore Stefano Bonaccini –è passare dall’8,9 al 4,5% di disoccupazione  dimostrando inoltre che la velocità con cui si realizzano i provvedimenti può anche coincidere con la condivisione delle parti sociali”. C’e anche infatti,sul documento, la firma dei sindacati confederali insieme a quelle del mondo dell’economia, come Legacoop che sottolinea l’importanza dell’accordo.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet