Il parmigiano con Bottura da Sotheby’s


Dopo le vetrine di Harrods, nelle quali è stato esposto nel marzo scorso, il Parmigiano Reggiano continua a parlare di sè a Londra, capitale di un Paese in cui è altissimo il posizionamento di quello che viene esplicitamente definito il “re dei formaggi” e che vale quasi 5.000 tonnellate in termini di esportazioni, collocandosi al quarto posto nella graduatoria mondiale dell’export di Parmigiano Reggiano. Lo chef stellato Massimo Bottura, infatti, proprio a Londra ha aperto per tre giorni il ristorante temporaneo “Osteria Francescana” (omonimo di quello di Modena, recentemente classificato come il secondo miglior ristorante al mondo), portando nella più prestigiosa casa d’aste del mondo, Sotheby’s, una degustazione di alcuni dei suoi piatti più famosi. Bottura (che all’indomani terremoto che nel maggio 2012 devastò l’Emilia e il mantovano, aree di produzione del Parmigiano Reggiano, creò il risotto “cacio e pepe”, replicato in decine di migliaia di famiglie come simbolo di solidarietà) rappresenta un vero e proprio ambasciatore del Parmigiano Reggiano nel mondo, simbolo di quella collaborazione che in modo sempre più stretto lega la Dop all’alta cucina, con il moltiplicarsi di richieste di collaborazione al Consorzio da parte dei grandi chef di tutto il mondo sia nella loro quotidiana attività che, a maggior ragione, in occasione di grandi eventi come quello londinese.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet