Il parmigiano a Cheese


Occhi puntati sulla qualità, ma anche sul rafforzamento degli scambi con il mercato statunitense, che continua ad aumentare l’import: il Consorzio del Parmigiano Reggiano si presenta così a Cheese di Bra, la manifestazione che Slow Food dedica alle eccellenze del mondo dei prodotti lattiero caseari e che quest’anno si tiene dal 18 al 21 settembre. “Abbiamo calendarizzato tante iniziative – spiega il direttore del Consorzio, Riccardo Deserti, finalizzate a valorizzare la completa naturalità del prodotto e l’attenzione che viene riservata alle materie prime, partendo direttamente dalla scelta e dalla cura dell’alimentazione delle bovine che producono il latte per il Parmigiano Reggiano”. Proprio in questo senso, tra gli eventi del Consorzio assume una particolare rilevanza il convegno “Good feed for good cheeses”, che vedrà fianco a fianco il Parmigiano Reggiano e il Comté AOP: “due eccellenze – spiega Deserti – che in comune hanno proprio l’assoluta naturalità e una particolare cura dell’alimentazione delle bovine da latte, nella quale è assolutamente proibito l’uso di materie prime fermentate o insilate”. E’ proprio a questo appuntamento (domenica 20 settembre alle ore 11,00 nella sala stampa di Slow Food) che interverrà Cathy Strange, la selezionatrice di formaggi della famosa catena distributiva americana Whole Foods Markets, il colosso della distribuzione Usa che nel luglio scorso ha scelto il Parmigiano Reggiano come prodotto di punta per qualificare l’intera offerta di formaggi della catena, orientandosi su un prodotto selezionato di almeno 24 mesi che viene porzionato nel punto vendita. “Quell’accordo e questa presenza di Cathy Strange – sottolinea il direttore del Consorzio del Parmigiano Reggiano – rappresentano una delle migliori risposte possibili – in assenza di tutele anche legislative che stiamo sollecitando nell’ambito dei negoziati TTIP in corso tra Unione Europea e Stati Uniti – al fenomeno delle frodi, che negli Usa si traducono in circa 100.000 tonnellate all’anno di consumi di “parmesan” immesso sul mercato e venduto facendo presumere (con il ricorso a marchi, bollini, simboli che richiamano il tricolore) che abbia un’origine italiana”. Al convegno, insieme al presidente del Consorzio, Giuseppe Alai, al direttore Riccardo Deserti e a Cathy Strange, interverranno il direttore Comité Interprofessionnel du Gruyére de Comté, Valéry Elisseeff, e il prof. Silvio Greco, docente di Produzioni agroalimentari all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo. Molto spazio, nell’ambito dell’edizione 2015 del Cheese di Bra, sarà riservata ai caseifici del Parmigiano Reggiano (impegnati in degustazioni anche con abbinamento con vini, aceto balsamico tradizionale di Modena e birre di qualità) e, soprattutto, al formaggio di montagna delle province di Parma, Reggio Emilia, Modena e Bologna (sinistra Reno). Con 3,5 milioni di latte trasformato annualmente, il Parmigiano Reggiano rappresenta, infatti, la più importante Dop per la montagna italiana ed europea.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet