Il Marconi sfiora i sei milioni di passeggeri


©TrcBOLOGNA, 10 GEN. 2013 – Passeggeri in crescita dell’1,2%. È quanto registrato l’aeroporto di Bologna, che nel 2012 cresce nonostante la crisi, le nevicate e il terremoto. Il Marconi, infatti, ha chiuso l’anno passato con il nuovo record di traffico della storia dello scalo, arrivando a sfiorare i sei milioni di passeggeri, pari ad una crescita dell’1,2%, a fronte di una media nazionale pari a -0,8%. Interessante, tuttavia, è la disaggregazione di questi dati. Perché a guardare i passeggeri nazionali (penalizzati sopratutto dai tagli di Alitalia) si può ottimisticamente parlare di tenuta, con un risicato +0,3%. Mentre la parte del leone la fanno i passeggeri internazionali, che superano i 4 milioni, aumentando dell’1,7%, spinti anche dal positivo avvio di nuove rotte, come quella per Mosca, e dal potenziamento di collegamenti già esistenti come per Instanbul. E il sempre meno interesse per il mercato domestico lo conferma anche il record di prenotazioni in anticipo registrate da Ryanair sulle 33 rotte da e per Bologna (per il 25% superiori alle aspettative), trainate sopratutto dall’annuncio di tre nuove rotte internazionali quali Barcellona, Edimburgo e Pafos. La compagnia aerea low cost, dunque, si aspetta di incrementare il traffico a Bologna fino a oltre 2 milioni di passeggeri nel 2013, sostenendo così più di 2mila posti di lavoro locali.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet