Il manifesto dell’Ausl di Bologna: “Non denunciamo i clandestini”


BOLOGNA, 13 MAR. 2009 – "Nessuna denuncia all’Autorità giudiziaria di cittadini stranieri senza permesso di soggiorno". Comincia così il testo che compare nel manifesto che nei prossimi giorni sarà affisso nei servizi sanitari dell’Azienda Usl di Bologna maggiormente frequentati da cittadini stranieri. Il manifesto sarà affisso nei Pronto Soccorso e nelle maternità dell’Ausl, nei Consultori familiari e nei servizi di salute mentale di Bologna e del territorio. Lo stesso testo appare già in italiano nei monitor presenti nella sala d’attesa dei Pronto Soccorso dell’Ausl di Bologna e dell’Azienda Ospedaliera. Il testo è in otto lingue: arabo, bengali, cinese, francese, inglese, hurdu (pakistano), russo, spagnolo. La legislazione italiana vigente, fa sapere una disposizione dell’Assessorato politiche per la salute rivolto ai direttori generali delle aziende sanitarie dell’Emilia-Romagna, vieta al personale sanitario la segnalazione all’Autorità giudiziaria di cittadini stranieri privi del permesso di soggiorno. I cittadini stranieri senza permesso di soggiorno possono, pertanto, continuare a rivolgersi ai servizi sanitari dell’Emilia-Romagna "con la consueta tranquillità e fiducia".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet