Il Gruppo Giovani Api e la crisi: “Business Intelligence a supporto delle decisioni strategiche”


REGGIO EMILIA, 23 MAR. 2009 – Dopo il tutto esaurito registrato con il primo convegno del ciclo dedicato agli approfondimenti dedicati alla gestione finanziaria del’azienda, il Gruppo Giovani Api organizza mercoledì 25 marzo alle ore 15, presso la sede del Centro Servizi PMI di Via Aristotele 109 a Reggio Emilia, il secondo seminario dal titolo: “Business Intelligence a supporto delle decisioni strategiche”.L’evento, realizzato in collaborazione con Progesa & Partners, sarà introdotto da Claudio Lodi, vice-presidente GGI API (Lodi Luigi & Figli Srl), e vedrà le relazioni di Rossano Storti, Partner Progesa Srl, e Diego Sossai, Partner Méthode Srl.Cinzia Rubertelli, presidente del Gruppo Giovani Api, spiega le motivazioni che hanno spinto alla realizzazione del convegno: "L’attuale contesto competitivo e la crisi economica in atto impongono alle aziende assoluta tempestività nelle decisioni e certezza nei dati di performance analizzati. I tradizionali sistemi di controllo, fondati sull’analisi generale dell’andamento economico-finanziario e basati su procedure extracontabili, possono risultare insufficienti ad un’analisi completa e tempestiva dei risultati raggiunti e delle criticità in atto, portando l’azienda a reagire in ritardo ai problemi e alle opportunità"."La Business Intelligence rappresenta, ad oggi – secondo Rubertelli – la metodologia più completa ed efficiente per raccogliere, certificare, analizzare e distribuire le informazioni necessarie a monitorare con tempestività la situazione aziendale sotto tutti i profili di analisi. L’incontro ha l’obiettivo di illustrare le potenzialità della Business Intelligence sia sotto il profilo delle metodologie che sotto quello degli strumenti utilizzabili e dei risultati ottenibili".I contenuti che verranno trattati nel corso del seminario sono stati divisi in due macro-temetiche: "l’evoluzione delle metodologie e degli strumenti di controllo" e "dal dato alle decisioni: modelli e tecnologie per il miglioramento continuo del processo decisionale". Nella prima parte ci si occuperà dei seguenti argomenti: dai fogli elettronici alla Business Intelligence, la diffusione e l’importanza della Business Intelligence all’interno delle PMI, il significato organizzativo della Business Intelligence, i fabbisogni informativi di base e le evoluzioni possibili, Case History: l’impostazione di un sistema di controllo completo. Nella seconda, invece, si parlerà di informazioni come risultato di un "processo produttivo", tecnologia informativa a supporto delle decisioni, informazioni distribuite e univoche: tecnologie uniformate e diffuse, conoscenza strategica nella direzione dell’utente, Case History: un’applicazione pratica della Business Intelligence.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet