Il gruppo Ferretti rinegozia il debito con Royal Bank of Scotland


in collaborazione con Teleromagna3 FEB. 2009 – Il gruppo cantieristico Ferretti ha reso noto, come annunciato nei giorni scorsi di avere avviato un processo di rinegoziazione del suo debito con Royal Bank of Scotland. Obiettivo dell’operazione rivedere, per renderli più leggeri per la Ferretti, i termini del contratto di finanziamento sottoscritto nel gennaio 2007, in un momento sostanzialmente diverso rispetto alla congiuntura economica negativa che si è manifestata a livello mondiale negli ultimi mesi. La società ha pure stabilito di ricorrere, in via cautelativa, a misure di cassa integrazione ordinaria in alcuni cantieri: esattamente stop parziale alla produzione dal 16 al 20 febbraio e dal 9 al 20 marzo. L’accordo raggiunto con i sindacati prevede poi di rivedersi il 31 marzo per decidere il da farsi. La riduzione della produzione riguarda in modo particolare lo stabilimento di Forlì, dove si realizzano le imbarcazioni di piccole e medie dimensioni della gamma del gruppo Ferretti: quelle che risentono maggiormente della contrazione della domanda. Ma il gruppo Ferretti è anche impegnato in una politica aggressiva del mercato. Sono in fase di completamento i progetti di 14 nuove imbarcazioni, che saranno presentati ai saloni nautici autunnali e che fanno parte dei 50 nuovi modelli previsti per il prossimo triennio. "La Ferretti – ha precisato il presidente e amministratore delegato, Norberto Ferretti – è determinata a porre in essere tutti gli interventi necessari per consolidare la leadership del gruppo nel settore della nautica di lusso, e per risolvere le tensioni finanziarie di breve termine".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet