Il giorno delle pmi: “Non metteteci in liquidazione”


©TrcMODENA, 28 GEN. 2013 – Si è levata anche da Modena la voce degli imprenditori modenesi per chiedere una svolta nella politica economica del Paese. Confcommercio, Confesercenti, Licom, Cna e Confartigianato, unite insieme in Rete Imprese Italia, in rappresentanza di tutta la piccola e media impresa modenese, hanno denunciato la "drammatica" situazione in cui le aziende si ritrovano, letteralmente vessate da un’eccessiva pressione fiscale, da un crollo dei consumi senza precedenti, da un accesso al credito tanto difficile quanto oneroso e da una burocrazia che invece di semplificare sta complicando sempre di più la vita della piccola impresa. “Chiediamo alla politica di non mettere in liquidazione le imprese”: l’appello del presidente nazionale di Rete Imprese Italia, Carlo Sangalli, in collegamento da Roma, è stato accolto a Modena, come nel resto d’Italia, da un lungo applauso. Senza impresa non c’è futuro, hanno poi ribadito i presenti, chiedendo a loro volta alle forze politiche di puntare sulla ripresa e di investire nello sviluppo. Ma non è finita qui. La voce delle imprese e delle professioni del commercio, dell’artigianato, dei trasporti, del turismo e dei servizi di mercato tornerà a farsi sentire tra una ventina di giorni.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet