Il Fisco lanciala campagna d’autunno


5 AGO. 2013 – Non solo turisti e villeggianti. Presenze abituali nelle più note località balneari della penisola sono ormai anche gli ispettori dell’Agenzia delle Entrate. Nel weekend, a Capri, Portofino e Porto Cervo, in Veneto così come in Puglia, è scattata una maxi operazione di controlli che hanno interessato un centinaio di locali, bar e stabilimenti. Una campagna che si ripete ogni anno e che annuncia quella autunnale di accertamenti d’ufficio. A tal proposito l’Agenzia ha diffuso la settimana scorsa una circolare con gli indirizzi per l’attività di controllo 2013. Sono previsti 700 mila interventi. Nel mirino, secondo il Sole 24 Ore, saranno soprattutto le medie imprese a bassa redditività prolungata. Ma chiarimenti sono arrivati anche sul grande spauracchio dei cittadini italiani: il nuovo redditometro. Lo strumento, assicura il Fisco, vuole “garantire una più ampia qualità del contraddittorio”. Le richieste di chiarimenti verranno avanzate in caso di scostamento superiore al 20 per cento tra il reddito dichiarato e le spese effettivamente sostenute. Il contribuente potrà però giustificarle esibendo delle prove. Dall’attestazione della cessione di titoli finanziari per l’acquisto di immobili, alla copia di assegni o bonifici ricevuti dai familiari per quello di un’auto. Dall’incasso dei canoni d’affitto per dei lavori in casa, alla liquidazione del Tfr per un viaggio. La campagna d’autunno del Fisco sta insomma per cominciare, ma un’adeguata documentazione, e naturalmente il rispetto delle regole, dovrebbero risolvere ogni problema.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet