Il dopo terremoto con Cna e Unicredit


Le imprese delle zone colpite dal sisma del 2012, finalmente, riprendono ad investire. Una capacità di reazione sostenuta da Cna, Regione Emilia-Romagna e UniCredit. Sono 41 le aziende che, affiancate da Cna Ferrara e da Ecipar, hanno presentato progetti in Regione per chiedere contributi a fondo perduto sui propri investimenti sfruttando la possibilità offerta da un apposito bando. Quarantuno progetti di impresa pronti a partire, per un valore complessivo pari a 10 milioni di euro. E grazie alla partnership tra Cna e UniCredit, le risorse richieste sono disponibili da subito.

 

Le aziende che hanno partecipato al bando appartengono al settore della meccanica e del manifatturiero, ma sono presenti anche diverse imprese dei servizi e del settore del commercio. I loro investimenti riguardano soprattutto l’innovazione dei prodotti e del processo produttivo. In sostanza le aziende acquistano tecnologie per la produzione avvalendosi di consulenze specializzate; le imprese hanno sede nell’area colpita dagli eventi sismici. Il bando della Regione non era circoscritto solo alle aziende che hanno subìto danni strutturali dal terremoto, ma si prefigge lo scopo di rilanciare con nuova linfa la vitalità del tessuto imprenditoriale locale.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet