Il Bologna è in vendita e si affida a Consorte


BOLOGNA, 24 NOV. 2010 – Passare la mano, è questa l’unica soluzione che far evitare al Bologna Calcio l’annunciato fallimento. L’attuale proprietario Sergio Porcedda, che ha l’80% delle quote, e Renzo Menarini, che ne detiene il restante 20%, hanno deciso, dopo le voci di una possibile cessione circolate nei giorni scorsi in seguito al mancato pagamento di stipendi e Irpef, di vendere il club. E per farlo si sono affidati a Giovanni Consorte, ex presidente e ad di Unipol, che ora, dopo i casi finiti nelle aule giudiziarie, è alla guida di una merchant bank che ha sede a Bologna. Si tratta di Intermedia Finance, a cui i vertici rossoblu hanno dato mandato di vendere il 100% delle azioni della società.Prima un rapido controllo dei conti. Poi la ricerca di investitori a cui vendere il club, operazione che si concluderà entro il 20 dicembre. Questi, in particolare, i punti su cui si strutturerà il compito affidato alla finazniaria di Consorte. L’accordo, già diffuso ieri con una nota, è stato formalizzato oggi pomeriggio proprio con lo scopo di delineare le due diverse fasi del mandato e la tempistica. Prima la "due diligence sulla situazione patrimoniale, economica, legale, fiscale e finanziaria della società". Un lavoro "già avviato", che "verrà completato in tempi stretti". Poi il secondo mandato "irrevocabile e in esclusiva", che "verrà attivato sulla base delle risultanze del primo incarico". Il fine ultimo di Porcedda e Menarini è chiaro come l’acqua: "la cessione dell’intera partecipazione detenuta da Asf srl e Aktiva Spa, sviluppando un progetto societario adeguato e di prospettiva e ricercando investitori, nelle forme e nei modi più opportuni". E per far questo, viene spiegato, Consorte avrà tempo poco meno di un mese. Al di sopra dei dubbi è anche il ruolo della finanziaria dell’ex numero uno Unipol. Che sarà solamente "di advisory e di intermediazione societaria". Escludendo, quindi, "qualunque intervento diretto in linea capitale nella società Bologna Fc 1909, in quanto la sua strategia di sviluppo e di acquisizione di partecipazioni è rivolta ai settori industriali, energie rinnovabili, immobiliare e finanziario-assicurativo"

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet