Il Biologico a convegno: agricoltura integrata e sostenibilità ambientale


BOLOGNA, 2 NOV. 2011 – Nel 2002 in pochi sapevano cos’è la Produzione Integrata e l’obiettivo del primo convegno organizzato al riguardo dal Consorzio Il Biologico era proprio quello di sensibilizzare il pubblico su un tema che era ancora considerato pionieristico. Oggi invece, a dieci anni di distanza, l’incontro ospitato dall’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza – e in programma il 25 novembre alle 9,30 – può essere definito un appuntamento cruciale per il settore. Anche perchè nel frattempo al suo fianco sono cresciute nel tempo una serie di iniziative parallele e la comunità creatasi su interessi e obiettivi condivisi ha portato a convergere attorno al tavolo dell’UNI, l’ente italiano di normazione.Questo dialogo ha favorito la nascita del Sistema Qualità Nazionale della Produzione Integrata (SQNPI) che sta prendendo forma grazie anche alla collaborazione positiva tra sistema produttivo, Autorità Centrale e Locale. Una strada ancora lunga ma promettente e segnata da obiettivi ben chiari che convergono verso la sostenibilità del sistema agricolo. In un momento di crisi economica e ambientale come quello attuale, la valorizzazione di pratiche più ecologiche e meno dipendenti dalle energie fossili diventa imperativa.Nell’invitare tutti gli interessati a questo importante appuntamento, Fabrizio Piva, amministratore delegato di CCPB, presenta le attività della giornata – intitolata "Agricoltura integrata e sostenibilità ambientale" – e il valore della Produzione Integrata: “La Produzione Integrata caratterizza l’esperienza della nostra migliore tradizione produttiva in ortofrutticoltura e non solo. Oggi in termini di sostenibilità vi è l’esigenza di esprimere questo concetto tramite indicatori ambientali oggettivi, frutto di un approccio LCA (valutazione del ciclo vitale) sui processi produttivi. CCPB ha definito un modello operativo di valutazione e certificazione in grado di valorizzare i processi più virtuosi quale ad esempio la Produzione Integrata”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet