Igd, nel semestrale dati in crescita


Il Consiglio di Amministrazione di IGD – Immobiliare Grande Distribuzione SIIQ S.p.A. (“IGD” o la “Società”), uno dei principali player in Italia nella proprietà e gestione di Centri Commerciali della Grande Distribuzione Organizzata e quotata sul segmento STAR di Borsa Italiana, sotto la Presidenza di Elio Gasperoni, ha esaminato e approvato la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2017. “Con questa semestrale siamo a metà del Piano Industriale 2016-2018 che prevedeva obiettivi di crescita ambiziosi. I dati appena approvati, di cui siamo molto soddisfatti, evidenziano che siamo in linea, e per alcuni obiettivi anche oltre, le attese di fine piano. Questo ci ha consentito, per l’esercizio in corso, di rivedere in incremento la guidance del Fund From Operations di fine 2017 al +20%” ha dichiarato Claudio Albertini, Amministratore Delegato di IGD – Immobiliare Grande Distribuzione SIIQ S.p.A.

Nel corso dei primi 6 mesi del 2017 si è assistito a una ulteriore crescita nelle vendite degli operatori anche se confrontate ad un già forte 2016. Le vendite operatori gallerie Italia si attestano a +1,3% (incluso l’ampliamento ESP inaugurato il primo giugno 2017, +0,5% escludendolo), mentre gli ingressi fanno registrare un – 0,8% rispetto all’anno precedente, dato su cui hanno inciso in particolare i primi due mesi dell’anno e un effetto calendario sfavorevole.

Anche gli ingressi in Romania sono in territorio negativo (-1,8%) in quanto influenzati dall’apertura di nuovi centri commerciali oltre che da lavori interni di fit-out; in ogni caso, i fondamentali in termini di consumi e andamenti retail della regione continuano ad essere particolarmente positivi e il riscontro è dato dall’ulteriore crescita dell’occupancy rate (96,9%) e dagli upside al rinnovo (+2,5%).

Anche in Italia è proseguito il positivo andamento delle attività di commercializzazione già registrato nel corso dei precedenti trimestri: sono stati sottoscritti 74 contratti tra rinnovi e turn over con upside medio del +4,7%; mentre l’occupancy media (gallerie e iper) si è attestata al 97,2%.
I ricavi complessivi consolidati ammontano a ca.75,7 milioni di euro, in crescita del +11% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.
Anche i ricavi da servizi sono in crescita (+26,1%) e ammontano a 3,2 milioni di euro. La voce è composta prevalentemente da ricavi da Facility Management in aumento rispetto al precedente periodo per effetto di nuovi mandati di gestione. Rientrano anche Ricavi da Agency e pilotage per le attività relative all’apertura dell’ampliamento di ESP.

I ricavi da Trading del progetto Porta a Mare per ca. 4 milioni di euro sono relativi alla vendita di 14 unità residenziali e 14 box. Si segnala, altresì, che alla data di approvazione della semestrale sono stati stipulati altri 2 rogiti e compromesse ulteriori 8 unità residenziali; il totale degli appartamenti venduti/impegnati ha quindi raggiunto il 78% del totale della superficie commerciale.

L’Ebitda della gestione caratteristica è pari a 50 milioni di euro, in crescita del 6,9 % rispetto al 30 giugno 2016. Diminuisce ulteriormente l’incidenza dei costi operativi sui ricavi caratteristici e dunque l’Ebitda Margin della gestione caratteristica si attesta al 69,8%, in incremento di 60 punti base rispetto allo scorso anno. L’Ebitda caratteristico Freehold (relativo al perimetro immobiliare di proprietà) raggiunge il 79,5%, in crescita di 90 punti base rispetto a giugno 2016.

La gestione finanziaria è in diminuzione (-10,7%) a 17,5 milioni di euro, nonostante l’incremento della PFN media, dovuto a investimenti nel periodo (ampliamento ESP inizio giugno): il risultato è frutto delle recenti attività di liability management, oltre al decremento del nozionale di alcuni IRS. Si conferma quindi il percorso di riduzione del costo medio del debito 2,9% ( vs 3,3% a dicembre 2016).

L’Utile Netto di competenza del Gruppo del periodo ammonta a 48,9 milioni di euro, in crescita rispetto ai 26,5 milioni dello stesso periodo del 2016 (+84,6%)

Il Funds From Operations (FFO) è pari a 31,9 milioni di euro, in crescita del 17,8% rispetto ai primi sei mesi del 2016.

Il Gruppo rivede al rialzo gli obiettivi di crescita dell’FFO per l’intero 2017, che da +18/19%, comunicati a febbraio, passano a +20%.
L’EPRA NNNAV è pari a 1.061,2 milioni di euro, ovvero 1,31€ per azione. Il dato è in crescita del +1,6% rispetto al 1,29€ p.a. del 2016 nonostante l’impatto pieno nel semestre della distribuzione del dividendo per 36,6 milioni di euro

Il patrimonio immobiliare del Gruppo IGD ha raggiunto un valore di mercato pari a 2.210,4 milioni di euro, con un incremento del 1,5% rispetto al 31 dicembre 2016: la principale variazione riguarda l’ampliamento del Centro Commerciale ESP di Ravenna.

Anche a livello di perimetro omogeneo Italia si registrano crescite di valore (+0,7%): le gallerie segnano un incremento dell’1,1% (+12,6 milioni di euro di cui 5,8 milioni rappresentato dalle 7 Gallerie Rilevanti) e un gross initial yield pari al 6,30%; gli ipermercati segnano un lieve incremento del 0,54% (+3,5 milioni di euro) e un gross initial yield pari a 6,19%. In Romania il valore del patrimonio immobiliare al 30 giugno 2017 è pari a 162,7 milioni di euro, in lieve calo dai 164,9 milioni di euro al 31/12/2016, con un gross initial yield pari al 6,55%.

La Posizione Finanziaria Netta del Gruppo IGD al 30 giugno 2017 , pari a –1.076,8 milioni di euro, come sopra ricordato è incrementata rispetto a dicembre 2016 (-21,4 milioni di euro) a seguito degli investimenti effettuati e dei dividendi distribuiti. Al contempo il gearing ratio e il Loan to Value si attestano rispettivamente al 0,98x e al 48,5% nel pieno rispetto dei parametri indicati nel Business Plan.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet