Identikit di un incendiario: pensionato, agricoltore


in collaborazione con Teleromagna10 MAR. 2009 – Pensionato con età media di 75 anni, che svolge lavori agricoli di ripulitura di un frutteto o di un’attività ricreativa. E’ questo l’identikit del responsabile “tipo” degli incendi boschivi rilevati nel corso del 2008 nella provincia di Forlì-Cesena dal Corpo Forestale dello Stato. In totale sono stati 12 gl’incendi classificati boschivi, 5,97 gli ettari totali di superficie percorsa dalle fiamme, 3,41 gli ettari di superficie di bosco interessata, 97 le persone intervenute nello spegnimento, 10.628 euro il danno ambientale valutat, 4 gli incendi dolosi, 8 gli incendi colposi, 142 i controlli effettuati, 99 le persone controllate, 5 le persone denunciate all’autorità Giudiziaria.Gli incendi boschivi nel 2008, secondo i dati diffusi dal comando forlivese della Forestale, sono avvenuti nei comuni di Civitella (1), Forlì (1), Galeata (1), Meldola (1), Premilcuore (2) e Predappio (1) nel forlivese e nei comuni di Borghi (1), Cesena (2), Sarsina (1), Sogliano (1) nel cesenate. Una novità nel campo delle indagini di polizia giudiziaria, ha visto il Corpo Forestale dello Stato, impiegare le tecniche della polizia scientifica nel campo degli incendi boschivi, per rilevare le tracce degli ordigni incendiari, le tracce lasciate sul posto dai responsabili, il rilievo degli acceleranti delle fiamme (come i liquidi infiammabili), il rilievo delle tracce biologiche riguardanti gli autori degl’incendi. “Gli ultimi anni – ha spiegato Giovanni Pordon, vice comandante provinciale del Corpo Forestale dello Stato – hanno visto un notevole impegno nel campo delle indagini di polizia giudiziaria nel settore degli incendi boschivi. Gli incendi boschivi colposi sono involontari e quindi sono evitabili con comportamenti responsabili che possibilmente escludano l’uso del fuoco per le pratiche agricole, pastorali, forestali ed anche turistiche e ricreative. Coloro che accendono il fuoco sono personalmente responsabili di tutti i danni che da esso possono derivare”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet