I genitori di Devid indagati per omicidio colposo


BOLOGNA, 17 GEN. 2011 – "La Procura non conferma", ma i genitori del piccolo Devid Berghi sarebbero indagati per omicidio colposo. Lo ha precisato il procuratore aggiunto Valter Giovannini aggiungendo che verrà acquisita la registrazione della trasmissione di Canale 5, "Domenica Cinque", in cui ieri hanno parlato la madre e il padre del bambino di 23 giorni morto probabilmente a causa del freddo il 5 gennaio a Bologna."Devid aveva alcuni problemi di salute. Era il primo nato dei due gemelli, era il più debole", hanno detto i genitori in tv. Poi la madre ha precisato: "Mi prendevo sempre molto cura di lui e gli ho sempre fatto fare tutte le visite mediche. Io non ho mai avuto aiuto dagli assistenti sociali. Mio figlio l’ho portato fuori per prendere un po’ d’aria, non per ucciderlo".  L’iscrizione sul registro degli indagati si rende necessaria per gli accertamenti tecnici che devono essere compiuti. Sono in corso complessi esami istologici sui polmoni del bambino per capire con certezza cosa ha provocato il decesso. Questa fase comporta che le persone interessate alla vicenda possano partecipare nominando consulenti di fiducia.Queste analisi sono finalizzate a capire una volta per tutte se il neonato è stato ucciso da una broncopolmonite e, dunque, se una corsa più tempestiva all’ospedale avrebbe potuto salvarlo. Se l’esito dovesse essere questo, allora con tutta probabilità emergerebbe un profilo di responsabilità per entrambi. Loro continuano a negare che il piccolo avesse manifestato sintomi o disturbi.I genitori, tra l’altro, hanno perso qualche giorno fa la potestà sui quattro figli di lei per decisione del Tribunale dei Minori. Sotto torchio, però, oltre a loro ci sono anche i servizi sociali. Per fare chiarezza sull’operato delle strutture comunali, la Squadra Mobile ha già ascoltato gli assistenti sociali di due Quartieri. Gli stessi che secondo il procuratore dei Minori Ugo Pastore si sono resi colpevoli di "gravi omissioni"nei confronti del piccolo Devid.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet