I bambini e l’arte di non essere razzisti


REGGIO EMILIA – Quattro realtà (Boorea, l’Associazione Mus-E, il Soroptimist Club International e il Rotary Club di Reggio Emilia), accomunate dalla stessa missione, promuovere i valori della solidarietà e del lavorare insieme per il bene comune, si riuniranno sabato prossimo, 7 febbraio alle ore 10.30, presso l’Aula Magna “Pietro Manodori” dell’Università degli Studi di Modena e Reggio per presentare il film-documentario “MUS-E. L’arte per l’integrazione a scuola”. Il filmato realizzato da TR Video con la regia di Nicola Nannavecchia presenta in 18 minuti una sintesi del lavoro svolto nelle scuole reggiane dall’Associazione Mus-E, a testimonianza di come i bambini possano imparare a comunicare attraverso il linguaggio universale dell’arte in un percorso di comprensione e rispetto di se stessi e degli altri.L’incontro sarà presentato dall’avvocato Ferdinando Del Sante, presidente dell’Associazione Mus-E Reggio Emilia, dalla professoressa Elisabetta Benassi, coordinatrice del progetto a Reggio, mentre alcune insegnanti delle scuole coinvolte nel Progetto Mus-E riporteranno la loro esperienza con i bambini. Seguiranno gli interventi di Riccardo Garrone, presidente dell’Associazione Mus-E nazionale e di Ivan Soncini, presidente di Boorea, che ha sostenuto l’Associazione Mus-E fin dall’inizio nella sua attività e ha reso possibile la realizzazione del documentario. Saranno presenti Emilia Deanna Ferretti Veroni, presidente del Soroptimist Club Reggio Emilia, Paolo Ampollini, presidente del Rotary Club Reggio Emilia, oltre alle autorità locali.A Reggio Emilia il Progetto Mus-E è attivo dall’anno scolastico 2004-2005 e interviene dove incomprensioni e differenze culturali, religiose e linguistiche rischiano di alimentare il pregiudizio. Nel 2006 si è costituita ufficialmente l’associazione che ad oggi collabora con cinque scuole elementari – Don Luigi Milani, Italo Calvino, San Giovanni Bosco, Giusuè Carducci e Giovanni Zibordi – e coinvolge 630 bambini (che sono suddivisi in 29 classi e sono seguiti da 18 artisti), oltre alle loro insegnanti.Per informazioni: Mus-E www.mus-e.it

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet