I bagni romagnoli? Solo 5.000 euro di reddito


MARTEDI’ 11 AGO 2009 – Incredibile ma vero, i bagni romagnoli dichiarano al fisco solo 5.000 euro di reddito. E’ quanto emerge da un’indagine dell’Agenzia delle Entrate, che vuole far luce sull’evasione fiscale di alcuni stabilimenti balneari della costa romagnola. Sotto la lente del fisco sono finiti in 150: la Direzione Provinciale dell’Agenzia delle Entrate, dopo un’attenta attività di intelligence, ha concentrato le ispezioni sui titolari di attività balneari a maggior ‘rischio evasione’, con redditi medi del tutto irrisori.I soggetti selezionati, infatti, hanno dichiarato nel 2006 redditi medi inferiori ai 5 mila euro; in particolare, solo 34 su 150 hanno comunicato al fisco un reddito superiore ai 10mila euro, con un massimo di circa 16 mila euro. Ad oggi risultano concluse 25 posizioni (tutte in adesione), con un recupero medio di circa 35 mila euro di maggiori ricavi non contabilizzati.I controlli – precisa una nota dell’ Agenzia delle entrate – sono diretti a ricostruire il giro d’affari reale attraverso alcuni significativi indicatori di produzione, quali ad esempio il numero di ombrelloni, i lettini e le cabine a disposizione dei clienti, i listini prezzi affissi presso le strutture di ricezione. Analoghe attività di controllo sono in corso nei confronti di alcuni stabilimenti balneari con sede nei Comuni di Ravenna e di Cervia.Saremmo curiosi di sapere se i gestori "beccati" ad evadere ricavi per oltre 30 mila euro sono gli stessi che pochi giorni fa hanno fatto fronte comune per negare ai guardaspiaggia loro dipendenti un aumento di circa 30 euro al mese. 

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet