Hera, rinnovato per altri 3 anni patto parasociale


Rinnovato per altri tre anni il patto parasociale che vincola i 118 azionisti pubblici di Hera e che rappresenta oltre 800 milioni di azioni per un totale del 53,8% del capitale. Lo ha annunciato il presidente del patto Daniele Manca dopo una lunga girandola di riunioni dei rispettivi consigli comunali. Il patto apre alla facolta’ di ridurre la quota sindacata fino al 38,6% del capitale, tramite la cessione di azioni non piu’ direttamente sul mercato ma tramite il vaglio di un advisor. “La selezione dell’advisor e’ attualmente in corso con una gara – ha riferito Manca, – quindi la procedura e’ in itinere e non e’ escluso che a luglio, in occasione della riunione del patto di sindacato, si possa avere un aggiornamento”. La facolta’ di cedere le azioni da parte dei soci di Hera, e quindi di diluire la quota di controllo, e’ scandita dal Patto in tre distinti periodi. Grazie alla recente modifica apportata ad alcuni articoli dello statuto di Hera, i soci potranno diluire il controllo al 48,6% nel primo periodo, al 45,1% nel secondo, fino al 38,6% nel terzo periodo di vigenza dei vincoli parasociali, in ottemperanza alle nuove norme che qualificano Hera in societa’ a prevalente controllo pubblico.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet