Hera: al via la prima linea credito revolving sostenibile


Formalizzato dal gruppo Hera, con quattro istituti di credito, un accordo per l’attivazione di una
nuova linea ‘revolving’ sostenibile da 200 milioni di euro “volta a contribuire e a mantenere la solidità finanziaria e nel contempo ad accrescere il mix di prodotti e strumenti finanziari adottati dall’azienda”. E’ quanto si legge in una nota della multiutility, secondo cui l’intesa è la prima nel suo genere in Italia. Nel dettaglio, viene spiegato, la nuova linea di credito, “introduce elementi di sostenibilità attraverso un meccanismo premiante legato al raggiungimento di specifici obiettivi ambientali, sociali e di governance. Nell’impegno sottoscritto con le banche, infatti, sono stati definiti alcuni indicatori di performance in virtù dei quali” l’azienda, che nel 2014 ha lanciato il primo ‘green bond in Italia, “potrà beneficiare nel tempo di tassi più favorevoli”. Gli obiettivi di sostenibilità riguardano, tra gli altri, “l’ulteriore riduzione dell’impronta di carbonio dalla produzione di energia, il raggiungimento di nuovi target di
efficienza energetica, il miglioramento della raccolta differenziata”.  Nella definizione dell’accordo il Gruppo Hera si è avvalso della collaborazione di Vigeo Eiris, primaria agenzia di rating sociale ed ambientale europea mentre hanno sostenuto Hera gli istituti Bbva nel ruolo di ‘sustainable coordinator’; Bnp Paribas e UniCredit nel ruolo di ‘documentation agent’ e Crédit
Agricole nel ruolo di facility agent.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet