Guru del web da tutto il mondo in raduno a Bologna


BOLOGNA, 18 SET. 2012 – Bologna per due giorni diventa capitale del web. O meglio, a dirla con gli organizzatori dell’evento di cui andiamo a parlare, la città delle due torri si trasforma in un’isola, con tanto di tesoro. The Treasure of Frontend Island è infatti il titolo dato al primo evento italiano dedicato agli sviluppatori Front End. Il 20 e il 21 settembre saranno quattro i workshop più una conferenza che esporranno le ultime novità in tema di sviluppo Front End, ovvero quella delicata parte di programmazione che si occupa dell’interazione tra l’utente e un sito internet o un’applicazione.Qui di seguito il comunicato stampa dell’eventoThe Treasure of Frontend Island: Bologna per due giorni – 20 e 21 settembre 2012 – diventa capitale del web e chiama a raccolta i maggiori esperti e sviluppatori internet per discutere tutte le novità, i metodi e i trend delle tecnologie e dello sviluppo Front End. In programma quattro workshop a Palazzo Isolani, giovedì 20 dalle 9 alle 18, e una conferenza dedicata al Front End, la prima in Italia di questo tipo, nella scenografica cornice del Teatro Duse, venerdì 21 sempre dalle 9 alle 18.L’iniziativa è organizzata dall’associazione emiliana From the Front con il patrocinio del Comune di Bologna e grazie al sostegno di MailChimp, Browserstack, Pusher, GNV&Partners, Mentine, Proto.io, Github, Fastname e Iubenda.L’obiettivo di The Treasure of Frontend Island, evento rivolto a tutti gli sviluppatori front end che si afferma fin da ora come uno dei più importanti del settore in Europa, è quello di creare un percorso che aiuti i partecipanti a riconsiderare l’approccio allo sviluppo web e a rispondere alle nuove sfide determinate dalla proliferazione di terminali mobili, quali ad esempio le smart tv prossime all’arrivo sul mercato.In due giorni, nelle aule di Palazzo Isolani e sul palco dello storico Teatro Duse, si succederanno 12 speakers stranieri, tra i più importanti protagonisti della scena internazionale. Dal canadese Blaine Cook, sviluppatore di Twitter e co-autore dei protocolli OAuth e Webfinger, che nel suo keynote analizzerà il futuro dello sviluppo web, all’americana Denise Jacobs autrice del noto The CSS Detective Guide e co-autrice di Interact with Web Standards, che si avventurerà nell’affascinante mondo del web storytelling; da Steve Krug, guru della ‘usabilità’ che da oltre vent’anni rende più facile l’utilizzo di software e siti web di aziende quali Apple, Netscape, AOL, Lexus, Excite@Home, e BarnesandNoble.com, per la prima volta in Italia, che illustrerà le sue ricerche in ‘Do-It-Yourself Usability Testing’, a Aral Balkan pluripremiato experience designer e sviluppatore web, tra i probabili relatori del TED Global 2013 – conferenza annuale che riunisce i maggiori protagonisti del “pensare” e del “fare” a livello mondiale – che all’insegna di un ritorno alla semplicità mostrerà come creare un sito web da zero con i soli HTML, CSS e Javascript in ‘Breaking things: hand-crafting a web site’. Tra gli altri anche Peter-Paul Koch, stratega di piattaforme mobili, consulente e trainer ad Amsterdam, fondatore di Fronteers la community olandese di Front End, universalmente riconosciuto per quirksmode.org importante ricerca sulla compatibilità browser; e Remy Sharp co-autore di Introducing HTML5, fondatore della conferenza Full Frontal a Brighton in Inghilterra, e tra i curatori della piattaforma HTML5Doctor.com, che a Bologna affronterà l’attualissimo tema delle app in ‘Mobile Web Apps’.La professione di sviluppatore Front End – identificata spesso sotto pseudonimi diversi quali htmler, web designer, coder, frontender – è una figura chiave e imprescindibile nel mondo degli sviluppatori che richiede sia sensibilità estetica sia rigore programmatico. Gli appuntamenti bolognesi rappresentano, dunque, un’opportunità unica di crescita e formazione per la community italiana di sviluppatori Front End – che finalmente potranno aggiornarsi evitando di andare all’estero, e costituiscono altresì un momento di scambio e confronto su tematiche sempre più attuali.Le due giornate di studio dal taglio informale e aperte a tutti i professionisti del settore previa iscrizione al sito http://2012.fromthefront.it si concluderanno la sera del 21 settembre con un grande party finale nel quadriportico di Vicolo Bolognetti.The Treasure of Frontend Island è organizzato da From the Front, associazione che riunisce un gruppo di sviluppatori di Front End cresciuti professionalmente tra Modena e Bologna. Obiettivi prioritari del gruppo diffondere i principali concetti, strumenti e linguaggi collegati allo sviluppo web di Front End, promuovere buone pratiche di sviluppo e design e divulgare gli open standard. L’associazione svolge inoltre attività di evangelizzazione informatica in collaborazione con altri enti attraverso l’organizzazione di workshop e corsi, con l’intento di ampliare la conoscenza delle tematiche riguardanti il Web.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet