Guazzaloca si tura il naso e sceglie Cazzola


BOLOGNA, 14 GIU 2009 – Giorgio Guazzaloca alla fine ha deciso: ieri mattina ha invitato gli elettori che lo hanno sostenuto a votare per Alfredo Cazzola. Una scelta che non sorprende più di tanto, visto che i due candidati navigavano nello stesso bacino elettorale e politico, ma che era tutt’altro che scontata. Ripetutamente, infatti, Guazzaloca aveva dichiarato che, nel caso non fosse arrivato lui al ballottaggio, non avrebbe dato indicazioni di voto ai suoi elettori. Ed infatti, il candidato della lista civica "La tua Bologna", sostenuto anche dall’UDC, non sembra molto convinto."Si tratta di scegliere", ha dichiarato nella nota letta alla stampa, "tra la difesa di un potere cinquantennale che ha danneggiato e normalizzato Bologna e un uomo, un candidato che molto probabilmente non è adatto al compito che si è prefissato, ma che è sostenuto da tanti bolognesi che con me e come me hanno condiviso le battaglie e le speranze per una Bologna migliore". Insomma una concessione a quella parte del suo elettorato che a malincuore voterebbe per Cazzola pur di non far vincere Delbono e ai partiti di centrodestra che l’avevano sostenuto durante la sua esperienza a Palazzo D’Accursio.Guazzaloca ha tuttavia rifiutato la proposta di entrare a far parte dell’eventuale giunta Cazzola, rispedendo al mittente la richiesta di un apparentamento ufficiale delle liste."Per Bologna", ha continuato l’ex sindaco, "metto in secondo piano aspetti di carattere personale e giudizi sulle singole persone che potrebbero avere molto spazio nelle mie riflessioni ad alta voce, ma non è oggi quel momento". Infatti, ha aggiunto in un altro passo della sua dichiarazione, "dai numeri sembra tutto scritto, ma non significa che bisogna deporre le armi: è utile anche una testimonianza che abbia un significato politico al di là dei risultati del ballottaggio".Questa presa di posizione non sembra però in grado di intimorire Flavio Delbono, che anzi l’aveva persino auspicata. "Mi meraviglia", aveva dichiarato dopo il primo turno, "che Guazzaloca non sostenga la candidatura di Cazzola. In fondo, come ho sempre detto, sono due facce della stessa medaglia. A noi non interessa allargare l’alleanza: dobbiamo preoccuparci solo di portare a votare i nostri elettori".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet