Il gruppo System in “pole” nella tecnologia per ceramica


Il gruppo System continua la sua evoluzione e conferma il buon momento di crescita nel primo semestre del 2014. Hanno maturato un incremento del 16% i ricavi provenienti dal comparto ceramico, che da solo vale il 63% dei ricavi di tutta la società. Previsioni di ulteriore miglioramento nel secondo semestre 2014. L’estero traina le vendite. Rafforzata la relazione con il Medio Oriente, che da solo assorbe il 20% del fatturato, in crescita anche Russia, Corea del Sud e Spagna che torna a investire dopo un periodo di flessione. Per System le vendite delle macchine per ceramica in Italia rimangono stabili al 33,7% del giro d’affari. L’evoluzione del business legato alle ceramiche riflette i risultati positivi globali del gruppo guidato da Franco Stefani che, in 12 mesi, è cresciuto del 12%. L’esercizio 2013 è stato chiuso a 320 milioni di euro, con export a quota 78%. Buona la performance anche di tutte le altre divisioni: i grandi impianti intra-logistici installati soprattutto per industrie alimentari e delle bevande; i magazzini verticali Modula; i veicoli automatici guidati AGV; i controllori elettronici industriali. A fronte di questi risultati il gruppo sta programmando nuovi investimenti nel settore ceramico e nel settore logistico per accompagnare la crescita del 2014.

 

 

L’attuale performance del gruppo System è legata in particolare al sistema di pressatura “GEA”. Risponde all’esigenza di produrre lastre ceramiche sempre più grandi e in multiformato, tendenza manifestatasi solo da pochi anni, ma che System ha intercettato in anteprima 14 anni fa. Di recente sono stati venduti 7 impianti tra Europa e Far East (Spagna, Russia, Turchia, Tailandia, Italia, Indonesia, Giappone) e altre trattative sono in corso, anche in Italia. Nell’anno 2000 il processo consentiva di produrre solo mega lastre, oggi porta nelle fabbriche una flessibilità produttiva mai provata e la possibilità di decidere sul momento quale taglia di formato ricavare dalla grande lastra. In pratica il produttore può decidere momento per momento che tipo di piastrelle produrre. “Il segreto di un’azienda, oggi, è sapersi differenziare, ma anche avere una visione delle domande che il mercato farà tra 5, 10, addirittura 15 anni» spiega Franco Stefani, presidente System. «Avere intercettato il trend di produzione di lastre di grandissimo formato con spessore variabile è frutto di analisi di mercato e di una capacità intuitiva, visionaria, immaginativa. Il nostro è un processo tecnologico e non una semplice macchina. Questo è il nostro tratto distintivo, in tutto il mondo. Infatti, ciò che noi offriamo alle ceramiche è un nuovo processo industriale che rivoluziona ciò che si è sempre fatto: porta nelle fabbriche efficienza, risparmio energetico e di materia prima, la semplificazione dei processi di produzione”.

 

 

Anche in anni di crisi globale, il gruppo System ha continuato a investire sulle persone incrementando l’organico sia sul territorio sia presso le molte sedi estere. Il suo ottimo stato di salute si può misurare sui 1376 dipendenti – di cui 895 nel distretto ceramico – che tra gennaio 2013 e giugno 2014 hanno visto ampliare l’offerta formativa con specifici pacchetti, individuali e di gruppo. 16.000 ore indirizzate a offrire una metodologia personale di crescita oltre agli strumenti per creare interdipendenza positiva nei gruppi di lavoro: corsi di lingue, sicurezza sul lavoro, risorse umane, amministrazione, formazione per tecnici esperti nella gestione dei progetti, tecniche di negoziazione, dettagliati percorsi per top e middle manager, coaching individuale, costruzione della squadra (“team spirit”), allenamento alla visione condivisa e sviluppo delle competenze sociali nei gruppi di lavoro.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet