Gruppo Panini in vendita?


Gruppo Panini in vendita, i soci di riferimento ci starebbero pensando e avrebbero incaricato una banca di valutare le offerte. Si tratta al momento solo di un’indiscrezione che rimbalza dalla pagine del Sole 24 Ore. Un’ipotesi non nuova che esce puntuale negli anni in cui si giocano i Mondiali di calcio. Era successo così già 4 anni fa, quando alla vigilia del torneo in Brasile, si fecero avanti alcuni fondi di investimento, ma alla fine non se ne fece nulla per via del prezzo. Questa volta però a essere interessate ci sarebbero alcune holding internazionali e anche la compagine sociale della stessa Panini è mutata. Due anni fa è infatti uscita la Fineldo, finanziaria della famiglia Merloni che aveva rilevato il controllo dell’azienda modenese alla fine degli anni ’90.
Fondata nel 1961 dai fratelli Panini che iniziarono la loro attività in un chiosco accanto al Duomo la storica realtà modenese viene ceduta nel 1988 al gruppo straniero Maxwell e da allora cambia più volte proprietà: prima la De Agostini, poi la Marvel e infine il re degli elettrodomestici Vittorio Merloni. Dopo la sua uscita l’azionista di riferimento è diventato il manager Aldo Hugo Sallustro alla guida della Panini, come amministratore delegato, ormai da diversi anni. Un nuovo passaggio di mano ora potrebbe essere all’orizzonte. Nell’anno dei mondiali il gruppo, che oltre alle figurine stampa Topolino e i fumetti degli eroi Marvel operando in 125 Paesi del mondo, diventa più appetibile con un fatturato che schizza da 500 a 700 milioni e un margine operativo lordo che supera i 100 milioni di euro. Presto però per dire se per la storica azienda di via Emilio Po si aprirà un nuovo capitolo.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet