Gruppo Gammon in crisi, a rischio anche Ravenna


MILANO, 29 APR. 2009 – La crisi nelle aziende del gruppo indiano Gammon mette a rischio oltre 1.500 posti. L’allarme è del sindacato metalmeccanici della Cisl lombarda che sollecita un incontro con la proprietà "per chiarire se intende ancora investire nelle aziende italiane e quali prospettive si aprono". Gammon India Limited è una società con sede in India con attività nelle infrastrutture e in Italia fanno parte del gruppo la Franco Tosi di Legnano, Sadelmi di Sesto S. Giovanni, Sofinter di Gallarate e Fagnano Olona, Sae di Milano e Benelli di Ravenna."I segnali sono preoccupanti – spiega Luigi Dedei, segretario regionale Fim Cisl Lombardia -. Ai 150 in cassa integrazione alla Franco Tosi da due settimane si è aggiunto nei giorni scorsi il fatto che la Sadelmi, al 50% proprietà del gruppo, ha chiesto il concordato preventivo e affitterà le attività ad altre società. Gammon in questo modo esce di scena e non vorremmo che fosse solo l’inizio di una fase di disimpegno".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet