Gruppo Bonfiglioli, raggiunto l’accordo sulla stabilità occupazionale


BOLOGNA, 1 APR. 2009 – Nella mattinata di ieri, 31 Marzo, dopo una giornata di trattativa ininterrotta, è stata raggiunta una ipotesi di accordo tra il sindacato e la direzione del Gruppo Bonfiglioli. L’ipotesi conclude in modo positivo una fase di confronto, cominciata nel settembre dello scorso anno al momento dell’avvio dell’utilizzo della Cassa Integrazione Guadagni ordinaria. Al centro di tale confronto vi sono stati la stabilizzazione dei livelli occupazionali, che con il passaggio a tempo indeterminato degli ultimi 62 lavoratori precari, ha portato complessivamente a circa 120 il numero dei posti stabilizzati nel Gruppo, e, visto il sempre maggior ricorso alla CIG, le condizioni di reddito delle lavoratrici e dei lavoratori del Gruppo.Il segretario della Fiom Emilia Romagna, Gianni Scaltriti, sottolinea tre punti importanti dell’accordo: tutte le lavoratrici e i lavoratori del Gruppo (circa 1.400) sono a tempo indeterminato; durante i periodi di CIG ordinaria si matureranno i ratei contrattuali indiretti e differiti; infine si avrà una integrazione aziendale giornaliera di 10 euro e si potrà preparare con serenità il confronto, con la Direzione Aziendale sull’aggiornamento preannunciato del Piano Industriale”.“E’ un risultato importante e significativo – continua Scaltriti – che non sarebbe stato possibile senza la mobilitazione che le lavoratrici e i lavoratori della Bonfiglioli e che si colloca pienamente dentro alla scelta di una risposta alla crisi che prima di tutto non taglia occupazione, competenze e capacità produttiva adottando soluzioni che favoriscono la solidarietà e la tenuta sociale”.L’ipotesi di accordo verrà illustrata nelle prossime ore nelle assemblee dei diversi stabilimenti per poi essere sottoposta ad approvazione tramite referendum.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet