Grande scompiglio ai vertici di Coopservice


REGGIO EMILIA, 18 FEB. 2010 – Un clima di alta tensione e di agitazione si respira ai piani alti della Coopservice, cooperativa di servizi attiva nei settori delle pulizie e della vigilanza. Il Cda dell’azienda ieri ha revocato dall’incarico di presidente e di vicepresidente rispettivamente Augusto Torreggiani e Rossana Rinaldi. Il primo è anche presidente di Servizi Italia, società controllata da Coopservice e quotata in borsa, specializzata in attività di lavanderia e igiene ospedaliera. La decisione del Cda ha trovato il favore di 17 membri su 21.La decapitazione dei vertici della cooperativa è stata motivata, in una nota ufficiale, come "un’esigenza, non più rinviabile, di garantire il corretto funzionamento a fronte di una situazione di immobilismo nelle scelte aziendali e di inadeguata strategia imprenditoriale". Una decisione assunta dai consiglieri del Cda in adempimento del loro ruolo "compreso quello di dare una soluzione al malumore crescente della base sociale".L’intenzione del Cda è nominare appena possibile Roberto Olivi come presidente. Intanto la presidenza è stata affidata a Catia Menozzi. Ma in una nota giunta in serata, i dirigenti spodestati Torreggiani e Rinaldi hanno definito "illegittimi" gli atti assunti dal Cda, e hanno sottolineato di essere tuttora in carica.A volerci vedere chiaro nel ginepraio formatosi ai vertici della cooperativa è la Legacoop di Reggio Emilia la cui presidenza ha sottolineato la necessità, da parte della lega delle cooperative, di esercitare il ruolo di vigilanza che gli spetta per legge. "Compete a Legacoop – si legge in un comunicato stampa – valutare se negli atti societari compiuti negli ultimi mesi siano state rispettate le regole, i principi e l’etica cooperativa e lo Statuto di Coopservice"."Da subito", si legge sempre nel comunicato, verrà avviata "una revisione ordinaria per stabilire la liceità degli atti amministrativi che in Coopservice si sono compiuti e si stanno compiendo". L’auspicio di Legacoop è che "in attesa del lavoro dei revisori di Legacoop Nazionale non si determinino in Coopservice nuovi atti che potrebbero ulteriormente turbare il clima aziendale e l’immagine esterna della cooperativa".Il fatturato di Coopservice nel 2008 è stato di 337 milioni di euro (+ 8,9% rispetto al 2007), con un utile netto pari a 7 milioni di euro. Circa diecimila gli addetti occupati dall’impresa. Nell’aprile del 2009 un processo di fusione è stato avviato tra Coopservice e la cooperativa di ristorazione Cir Food. Un progetto che si sarebbe dovuto concretizzare in questi mesi, ma che è stato bloccato.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet