Granarolo fa spesa e si compra la Lat Bri


1 SETTEMBRE 2011 – Granarolo pianta la cannuccia in Brianza. La società emiliana ha infatti annunciato l’acquisizione della Lat Bri, azienda casearia il cui nome è il condensato di Latticini Brianza. Si tratta del terzo produttore italiano di formaggi freschi. Un marchio diffuso in diversi paesi europei e che porta in dote alla Granarolo una quota di export da 40 milioni di euro.L’operazione, che rileva sostanzialmente la posizione debitoria che si aggira intorno ai 60 milioni di Euro (cifra che verrà definita alla fine del periodo transitorio di affitto di ramo d’azienda), comporta l’acquisto da parte di Granarolo di tutte le attività relative alla produzione e commercializzazione dei prodotti caseari freschi Lat Bri e consente al Gruppo di aumentare la propria presenza nel settore dei formaggi freschi e la gamma di prodotti offerti al mercato.L’acquisizione si inserisce nella strategia di crescita del Gruppo, presentata in primavera alla comunità finanziaria. Nel mirino ci sono aziende sia italiane che estere. La spesa fatta in Brianza "getta solide basi per ulteriori sviluppi nel settore caseario in Italia e rende Granarolo il secondo operatore nazionale di questo comparto e il primo a capitale italiano. All’estero, svilupperemo importanti sinergie portando prodotti made in Italy ai consumatori europei, soprattutto in Nord Europa dove Lat Bri ha da tempo una capillare presenza di mercato”, spiega Gianpiero Calzolari nella nota diffusa dall’azienda.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet