Gli industriali reggiani: “Fiom aggressiva”


© TelereggioREGGIO EMILIA, 11 GEN. 2012 – "È fuori luogo evocare azioni di lotta, di fronte alla naturale scadenza del contratto nazionale. È la stessa Fiom Cgil ad essere responsabile della sua autoesclusione". In un comunicato inviato alle redazioni, gli Industriali Reggio rispondono alla Fiom. Il confronto tra i metalmeccanici della Cgil e l’associazione imprenditoriale si fa sempre più teso.È stato il segretario provinciale della Fiom, Valerio Bondi, a paventare il rischio dell’esclusione del sindacato dai tavoli di trattativa. "Sappiamo – ha detto, col sostegno dell’intera Camera del Lavoro – che Federmeccanica ha dato indicazioni alle aziende associate di limitare le nostre possibilità di azione, come l’organizzazione delle assemblee o i permessi retribuiti per i nostri rappresentanti. Vogliamo chiarimenti, altrimenti metteremo in campo azioni di protesta che non hanno precedenti nel nostro territorio".Toni che gli industriali criticano: sono ingiustificatamente aggressivi e minacciosi e ripropongono una logica antagonista a priori. "Un comportamento pretestuoso – dicono da via Toschi – che si manifesta dopo anni nei quali la Cgil nazionale ha sistematicamente rifiutato il confronto e qualsiasi innovazione di metodo e di merito in materia di lavoro. Al contrario, gli Industriali reggiani non si sono mai sottratti al dialogo. Mettere in atto una lotta contro le imprese locali per questioni di esclusiva pertinenza nazionale – conclude Confindustria – può solo pregiudicare le relazioni sindacali nelle realtà aziendali della nostra provincia".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet