Gli imprenditori a Roma il 18 febbraio. Più di 6000 dall’ER


Era da 31 anni che in Italia il mondo dell’artigianato, della piccola impresa e del commercio non si riuniva in una manifestazione unitaria a livello nazionale. Ci voleva questa crisi senza fine, che anche in Emilia Romagna ha portato nel 2013 oltre 5800 imprese alla chiusura. Così le organizzazioni di Rete Imprese Italia si sono date appuntamento martedì 18 febbraio a Roma. Per chiedere al Governo, qualunque esso sia, un immediato cambio di passo. 

Dall’Emilia Romagna sono attese oltre 6 mila persone, pronte a difendere quelle piccole e medie imprese che costituiscono il 97 per cento del sistema produttivo italiano. Non c’è più bisogno di progetti astratti – dicono gli imprenditori – ma di azioni concrete e rapide, che valorizzino le risorse del Paese.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet