Giovani e precarietà, scarsala fiducia nel futuro


BOLOGNA, 04 GIU. 2013 – Il 73% dei giovani è in una condizione lavorativa precaria. Di questi il 23% sono disoccupati, il 16% in cerca di prima occupazione, il 19% ha un lavoro a tempo determinato e il 14% a contratto. È questa la fotografia scattata dall’indagine presentata dalla Regione Emilia-Romagna “La precarietà giovanile a Modena, Cesena e Piacenza”, realizzata dall’Università di Modena e Reggio Emilia. Sono oltre 400 i giovani tra i 15 e i 34 anni che hanno preso parte all’indagine, dalla quale emerge una crisi di fiducia sempre più emergente tra i giovani. L’81,6% degli intervistati vede oggi più rischi rispetto al passato recente, solo 44,9% ha più fiducia rispetto all’anno precedente: il che significa che il 36,7% vede più rischi e non ha più fiducia. Il 65,5% degli intervistati si aspetta precarietà a un anno e il 52,9% anche a 10 anni. Anche per quest’anno, dunque, la Regione ha annunciato un nuovo bando, che sarà approvato dalla Giunta nei prossimi giorni, con il quale destina 400 mila euro per sostenere progetti degli enti locali a favore dei giovani.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet