A Ginevra la Maserati Ghibli-Zegna


Maserati, dopo un anno di successi commerciali e il tributo al secolo di storia appena compiuto, vede nel 2015 un anno di consolidamento prima del lancio dei nuovi modelli. Consolidamento che, relativamente al prodotto, parte dalla conferma del sodalizio tutto Italiano fra la Casa del Tridente e la maison di Trivero, Ermenegildo Zegna. È infatti in occasione del Salone di Ginevra che Maserati conferma l’entrata in produzione, prevista a partire dall’autunno, di un nuovo allestimento interno richiedibile dal cliente. L’allestimento Ermenegildo Zegna accosta alla pelle Poltrona Frau inserti 100% in fibra naturale di Seta Zegna mulberry per le fodere dei sedili, dei pannelli porta, del padiglione, delle alette parasole e della plafoniera luci. Questo esclusivo allestimento sarà disponibile in tre varianti cromatiche per gli interni delle berline Quattroporte e Ghibli, preparandosi ad essere il fiore all’occhiello di Maserati in termini di personalizzazione. Sullo stand è esposta la Ghibli Ermenegildo Zegna Edition, il cui concept stilistico  contiene alcuni degli elementi che potranno essere ordinati dai clienti delle berline Maserati. Sullo stand Maserati, inoltre, è presente una significativa rappresentanza dei modelli in gamma, composta dalla lussuosa Quattroporte GTS e dalla versione Diesel. Ghibli è presente in versione S Q4 e Diesel, affiancata dalle versioni Centennial Edition della GranTurismo MC Stradale e della GranCabrio MC.

Al salone svizzero l’ad Fca Sergio Marchionne ha anche parlato del futuro assetto della casa del cavallino, in vista della quotazione a Wall Street. Sul mercato andrà il 10% del capitale, alcune stime prevedono incassi per 800 milioni di dollari. “Ferrari continuerà a produrre e pagare le tasse in Italia -ha aggiunto- ma può darsi che ci sarà un’azienda, non operativa, al di sopra, una holding con probabile sede in Olanda”. Sulle auto elettriche, Marchionne ha detto di preferire le ibride, ma servono incentivi per gli alti costi industriali. “Non è però una priorità” ha concluso il manager prima di affrontare il tema formula uno: “macchina e piloti sono gasatissimi, è un dovere per la Ferrari vincere il mondiale entro 3 anni”, data per la quale Marchionne ha annunciato il suo addio da FCA. A Ginevra viene esposta anche la nuova Alfa 4 C spider: lancio previsto tra pochi mesi, produzione nelle fabbriche modenesi di Maserati, si attendono importanti risvolti occupazionali.

Nel pomeriggio ha parlato anche  l’amministratore delegato di Maserati Harald Wester, il quale ha annunciato l’uscita di una vettura ibrida del tridente nel 2017: si tratta del Suv Levante che sarà tipo plug-in’. ”Le stime – ha detto Wester – ci dicono che tra il 2020 e 2025 a livello globale la quota di vetture ibride appartenenti al segmento lusso sarà tra il 40 ed il 50%”.
Il numero uno di maserati ha inoltre confermato che il target di vendere 50 mila vetture entro il 2015 ”non verrà raggiunto”. Le stime infatti restano sui livelli dello scorso anno quindi oltre le 36mila unità. Molto dipenderà comunque proprio dal Suv Levante che andrà ”in pre-serie nel secondo semestre di quest’anno, mentre la produzione di serie per i clienti avverrà all’incirca a febbraio 2016.
Wester ha infine parlato anche di Alfa Romeo: “i due mondi Maserati e Alfa avranno certamente a che fare l’uno con l’altro – ha detto – ma non bisogna tornare all’errore del passato di mischiare tutto”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet