Gima TT, va bene l’offerta


“L’offerta di Gima TT sta andando molto bene, si sta concentrando nella parte medio alta del range”. Lo ha affermato Francesco Spila, deputy head equity capital market di Mediobanca, nella conferenza stampa di Gima Tt per la quotazione della società di macchine per il packaging di prodotti derivati del tabacco, controllata da Ima. Il collocamento riservato agli istituzionali si concluderà il 28 settembre. Durante l’incontro Sergio Marzo, direttore finanziario di Ima e presidente di Gima Tt, ha confermato le attese della capogruppo quotata, già fornite alla semestrale: A fine anno “il fatturato di Ima – ha affermato -, sarà oltre 1,4 miliardi, con un ebitda intorno a 210 milioni”. L’Ipo di Gima Tt, attesa al debutto in Borsa sul Mercato telematico azionario segmento Star il 3 ottobre, prevede la vendita di azioni da parte della società veicolo di alcuni manager, la Maestrale Investimenti, che azzererà la propria quota del 28,6%. Ima venderà fino al 10% nel caso di integrale esercizio della greenshoe. La forchetta indicativa del prezzo è di 9,6-12,5 euro, per una valorizzazione indicativa dell’intera Gima Tt tra 845 e 1.100 milioni di euro. Oltre a Mediobanca, come joint global coordinators e bookrunners figurano BofA Merrill Lynch, Equita, e Unicredit.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet