Garanzia giovani funziona. E si estende


Grazie agli incentivi di Garanzia Giovani, il Piano Europeo per la lotta alla disoccupazione giovanile, CNA e CNI-Ecipar nell’arco di quattro mesi sono riusciti a inserire all’interno di realtà lavorative modenesi circa ottanta ragazzi. Un’ottima opportunità, dunque, quella rappresentata dalla Youth Garantee riservata a giovani che non sono impegnati in attività lavorative o inseriti in percorsi scolastici/formativi. L’obiettivo alla base di questo progetto è di valorizzare le persone nella loro crescita formativa e professionale e consolidare la competitività delle imprese, tramite l’inserimento di giovani formati e pronti al mondo del lavoro.
Il vantaggio di questo progetto non ricade solo sul giovane disoccupato ma anche sull’azienda, perché La Regione contribuisce sino aad un massimo di 300 all’indennità mensile corrisposta al tirocinante. Grazie ai tirocini formativi, le aziende possono formare, valutare, conoscere e scegliere i soggetti più adatti e con i quali poi instaurare un rapporto di lavoro e, dall’altra parte, il tirocinante ha la possibilità di inserirsi in un ambiente di lavoro e imparare un nuovo mestiere. Ora, poi, c’è un’opportunità in più: la Regione Emilia Romagna, infatti, ha allargato la platea dei desitinatari innalzando dai 24 ai 29 anni il limite dell’età dei tirocinanti (che, peraltro, devono aver adempiuto al percorso scolastico e formativo obbligatorio). CNA, grazie al suo ente di formazione CNI-Ecipar, è in grado di fornire tutte le informazioni e affiancare l’azienda (o il ragazzo) passo a passo nell’iter iniziale di avvio delle pratiche.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet