Gambro Dasco punta ancora su Medolla


© TrcMEDOLLA (MO), 12 SET. 2012 – Entro il 2013 la multinazionale svedese Gambro Dasco ricostruirà completamente il nuovo stabilimento di Medolla, 40mila metri quadri di capannoni e palazzine distrutti dal terremoto. Dopo circa 2 mesi di fermo-produzione, l’azienda è ripartita delocalizzando temporaneamente i reparti in tre sedi, ma mantenendo l’amministrazione operativa a Medolla, allestita a tempo record in una palazzina prefabbricata. Con lungimiranza, l’azienda si era assicurata contro gli eventi sismici. Nonostante la Gambro si trovi sia sul territorio di Medolla che di Mirandola, per le operazioni post-sisma i responsabili assicurano di non aver incontrato intoppi burocratici. L’azienda continua intanto a investire nella ricerca e sviluppo supportata anche dalla regione Emilia-Romagna. In attesa del nuovo stabilimento, l’azienda sta utilizzando la cassa integrazione straordinaria per circa il 30% degli 850 dipendenti, cercando comunque una rotazione lavorativa.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet