Gambro, accordo sui lavoratori “somministrati”


MODENA, 20 FEB. 2012 – E’ stato firmato nella tarda mattinata di oggi, presso la Gambro di Medolla, l’accordo per i lavoratori somministrati per contrastare la precarietà. Si tratta di un accordo unico nel suo genere, e tra i primi a livello nazionale, perché offre continuità di lavoro ai somministrati o in subordine percorsi formativi per il loro ricollocamento. Come ricorda una nota congiunta di Nidil-Cgil e Felsa-Cisl, attualmente sono circa 200 i ‘somministrati’ alla Gambro. In virtù dell’accordo di oggi (firmato con l’ok di tutti i sindacati), quelli che hanno avuto questo tipo di contratto da gennaio 2011 "vantano un diritto di precedenza nel caso in cui l’azienda necessiti di nuove somministrazioni di personale.Se l’azienda non avesse di personale – continua la nota – gli stessi lavoratori hanno diritto a percorsi di riqualificazione professionale per il ricollocamento nello stesso settore produttivo (biomedicale) o con l’ausilio della Provincia più in generale su tutto il territorio anche in altri settori". COS’E’ IL CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE (da Wikipedia)E’ il contratto con cui una parte (somministrante) si obbliga, verso corrispettivo di un prezzo, a eseguire, a favore dell’altra (somministrato), prestazioni periodiche o continuative di cose (art 1559 c.c.) Non si deve confondere con l’istituto regolato dal D. lgs. n. 276/2003, ossia il contratto di somministrazione di lavoro. Il contratto di somministrazione è disciplinato dal codice civile italiano agli artt. 1559-1570.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet