Formula 1: Ferrari sempre in coda


SHANGHAI, 18 APR. 2009 – Felipe Massa è fuori dalla top ten delle qualifiche del Gran Premio di Cina. Nella seconda manche delle prove ufficiali il pilota brasiliano della Ferrari non è andato oltre il 13/o tempo in 1’36"033 (partirà dunque in 13/a posizione in griglia). Tra gli eliminati eccellenti anche la Bmw di Heidfeld (11/o) e la McLaren di Kovalainen (12/o). Fuori alla prima manche l’altra Bmw di Kubica con un magro 18/o tempo.MASSA: HO SBAGLIATO TUTTO"Ho fatto uno sbaglio e non sono riuscito a migliorare il tempo". Il pilota della Ferrari Felipe Massa spiega così la sua esclusione dalla top ten. La F60 senza il Kers? "Il problema – aggiunge Massa ai microfoni di Rai due – è che senza il Kers perdiamo molto tempo. E’ un problema importante".RAIKKONEN: POTEVA ANDARE PEGGIO"E’ andata abbastanza bene, non é andata male. Abbiamo avuto solo un piccolo problema con il cambio nella Q2, poi fortunatamente è andato tutto bene". Il pilota finlandese della Ferrari, Kimi Raikkonen, ai microfoni di Rai Due appare tutto sommato soddisfatto per il suo ottavo tempo conquistato nelle qualifiche del Gran Premio di Cina. Abbastanza soddisfatto per i miglioramenti alla sua vettura anche il campione del mondo con la McLaren Lewis Hamilton: "sono contento perché siamo migliorati un po’, la vettura non ha un diffusore nuovo vero e proprio, abbiamo solo qualche modifica".RAGGIANTE SEBASTIAN VETTEL"Non è stato facile, ho avuto un problema. Però siamo stati veloci, è andato bene anche il mio compagno di squadra Webber. Sono molto felice, ce l’abbiamo fatto a conquistare la pole". E’ raggiante dopo la pole conquista nel Gran Premio di Cina il pilota tedesco della Red Bull, Sebastian Vettel. "Devo ringraziare tutti i meccanici – sottolinea l’eroe di Monza l’anno scorso nella conferenza stampa Fia dopo le qualifiche – che hanno lavorato tutta la notte e hanno fatto un gran lavoro".CONTENTO ANCHE BRIATORESoddisfatto del secondo posto conquistato da Fernando Alonso sulla griglia di partenza del Gran Premio di Shanghai, il direttore Renault Flavio Briatore scherza: "siamo in Cina, e anche noi abbiamo fatto un’ imitazione…". Briatore si riferisce al "diffusore", la vera novità tecnologica di questa stagione, il nuovo elemento aerodinamico che consente un miglioramento della velocità delle vetture, che per la prima volta anche la sua scuderia, dopo la Brawn GP, la Toyota e la Williams, ha montato oggi nelle qualifiche. "Devo ringraziare i tecnici – prosegue parlando con un gruppo di giornalisti nel paddock di Shanghai – hanno lavorato tutta la notte e alle sette di mattina erano già qui, abbiamo lavorato con le mani e con la lima, come si faceva una volta…in otto ore abbiamo avuto una macchina nuova". Per il prossimo futuro, Briatore promette battaglia: "é solo l’ inizio – sostiene – ora siamo tutti legali, quindi siamo legali anche noi e continueremo a cercare di migliorare la macchina…". Il leader della Renault spiega che da tempo i suoi tecnici stavano lavorando allo sviluppo anche di una vettura col diffusore. "Avevo sentito che era nell’ aria..sapete, dopo 17 anni nell’ambiente un po’ di esperienza ce l’ ho…".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet