Food&Beverage, la ricettività si ritrova a Rimini


RIMINI, 4 MAR. 2013 – Il Palacongressi di Rimini, con il supporto tecnico logistico di Rimini Fiera, ha ospitato il primo meeting della neonata Associazione Italiana Food&Beverage (Aifbm), costituita in Italia nel settembre 2012 e guidata dal presidente Severino Dellea. Al meeting hanno preso parte oltre 130 food&beverage manager, in rappresentanza delle maggiori catene alberghiere e delle più prestigiose strutture italiane e internazionali nel campo della ricettività. L’evento è stato sponsorizzato da 20 aziende del comparto alimentare che, in termini di prodotti e servizi, hanno presentato le loro ultime novità dedicate alla ristorazione in albergo. Quella del ‘Food&Beverage Manager’ è una figura professionale nuova e guardata con sempre maggior attenzione nel mondo dell’hotellerie. Tradizionalmente questo ruolo è nato all’interno delle grandi catene alberghiere internazionali dove, data la presenza di più punti di ristoro (ristorante, bar, sale banqueting per congressi eccetera), si è reso necessario l’apporto di un manager dotato di conoscenze operative. In più, dato il proliferare di ristoranti situati in hotel che, oltre a svolgere il servizio per i clienti dell’albergo, sono sempre più spesso aperti anche al pubblico esterno, si è determinato un innalzamento della qualità dell’offerta ristorativa e di conseguenza la crescente necessità di dirigenti con competenze amministrative e gestionali (selezione dei fornitori, addetto agli acquisti), ma anche organizzative (gestione del personale di cucina e di sala). "La nostra competenza va diffondendosi – sottolinea il presidente dell’associazione Severino Dellea, Condirettore e Food&Beverage manager al Grand Hotel Billia di Saint Vincent – perché è sempre più necessaria una figura di coordinamento fra i ruoli dell’hotel. E’ una mansione molto vicina a quella del direttore, quasi il suo braccio operativo. La crescente attenzione alla ristorazione, la diffusa attività congressuale con annesso banqueting e il valore strategico assunto dal bar, richiedono una professionalità che sintetizzi problematiche e ricerchi soluzioni a favore dell’impresa". "Rimini Fiera ritiene opportuno presidiare strategicamente tutti i mondi Horeca, anche quelli con format innovativi e diversi da quelli classici realizzati all’interno dei padiglioni fieristici – commenta Patrizia Cecchi, direttore Business Unit di Rimini Fiera – Questa la motivazione alla base della nostra scelta di divenire partner tecnici per l’organizzazione del primo meeting di Aifbm".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet