Fondo innovazione, aperto il bando


Le imprese modenesi che vogliono accedere ai contributi del Fondo innovazione possono presentare i propri progetti fino a giovedì 29 maggio compilando i moduli on line sul sito www.fondoinnovazione.it. Il Fondo innovazione, giunto quest’anno alla 6ª edizione, è un fondo rotativo promosso dalla Provincia, dal Comune e dalla Camera di commercio di Modena che mette a disposizione delle imprese modenesi otto milioni di euro per investimenti in innovazione tecnologica, gestionale-organizzativa e commerciale. All’iniziativa aderiscono i Comuni di Campogalliano, Carpi, Castelfranco Emilia, Fiorano Modenese, Maranello, Nonantola, Novi, San Cesario, Sassuolo, Soliera e le Unioni dei Comuni dell’Area nord e delle Terre dei castelli; il consorzio fidi Unifidi Emilia Romagna e gli istituti bancari Unicredit, Banca Popolare dell’Emilia Romagna, Banca Popolare – San Geminiano e San Prospero.

 

 

Rispetto alle precedenti, l’edizione 2014 presenta alcune novità importanti come una procedura semplificata e tempi più brevi per l’accesso al finanziamento; un maggior abbattimento, fino al 2 per cento, del tasso di interesse; l’inclusione tra le spese ammissibili dei costi di sostituzione di impianti, macchinari e attrezzature, e di spese già sostenute per l’intero importo purché le fatture non siano antecedenti di oltre sei mesi la data di presentazione della domanda.

 

 

Ai finanziamenti del Fondo, da un minimo di 30 mila a un massimo di 200 mila euro, possono accedere le piccole e medie imprese (e loro consorzi) con non più di cento addetti, appartenenti ai settori del manifatturiero e dei servizi alla produzione con almeno un’unità operativa nella provincia di Modena. Possono essere finanziati i progetti che prevedono innovazione di prodotto o servizio; di processo; di rinnovamento gestionale-organizzativo e commerciale. I progetti presentati saranno valutati da un comitato tecnico entro 30 giorni dalla chiusura del bando. Le banche aderenti, insieme ai consorzi fidi provvederanno poi a valutare l’affidabilità e la fattibilità finanziaria della concessione del mutuo e della relativa garanzia. Una volta superate entrambe le fasi di valutazione, l’impresa sarà ammessa all’agevolazione. Il dettaglio delle informazioni si trova sul sito: www.fondoinnovazione.it.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet