Al via la nuova “CartainTasca” di Legacoop Forlì-Cesena: sconti, call-center dedicato e partnership con Cariromagna


FORLì 18 APRLE A tre anni dal lancio si rinnova il progetto CartaInTasca, l’innovativo circuitodi servizi promosso da Legacoop Forlì-Cesena che raggiunge più di quattromila soci e dipendentidelle cooperative aderenti.La prima novità riguarda il call-center dedicato: CartaInTasca mette infatti ora a disposizione deititolari un numero verde (800 46 42 66) a cui rivolgersi per trovare soluzioni immediate nel campodella famiglia, della casa, del benessere e della salute.Sul sito www.cartaintasca.com sono invece elencate le convenzioni dirette che consentono di otteneresconti immediati in numerosi negozi, palestre, istituti di formazione, alberghi e ambulatorimedici della provincia di Forlì-Cesena.Ma la vera innovazione dell’edizione 2012 di CartaInTasca è la partnership con Cariromagna, graziealla quale il titolare può trasformare la tessera in una carta prepagata ricaricabile Superflash. Inquesto modo CartaInTasca può essere utilizzata, a costi molto più bassi rispetto a un conto corrente,per accreditare lo stipendio, per fare e ricevere bonifici, ricaricare il cellulare, fare acquisti eprelevare contanti, in Italia e all’estero. Chi sceglie di attivare questa opzione può accedere, oltrealle tante convenzioni dirette, anche alle promozioni del circuito Superflash di Intesa Sanpaolo cheincrementano ulteriormente il risparmio ottenibile.Grazie a questi elementi CartainTasca si presenta in modo molto diverso da una semplice e tradizionale”carta vantaggi”.«È la chiave – spiega il direttore di Legacoop Forlì-Cesena, Monica Fantini – che dà diritto non soloa risparmi e condizioni esclusive in molti esercizi commerciali di Forlì-Cesena e per servizi di variogenere sul territorio, ma soprattutto consente di entrare a far parte di un sistema di opportunità adampio raggio a sostegno della famiglia, della casa, della salute e benessere, oltre che del tempolibero. Il suo scopo e la sua utilità – prosegue il direttore -sono di “liberare il tempo” delle personeche lavorano curandosi di ricercare, al posto loro, le migliori e le più convenienti opportunità diservizio per soddisfare, nel momento in cui serve, le loro esigenze e urgenze quotidiane. In altritermini l’obiettivo è costruire un progetto di conciliazione tra tempo di vita e tempo di lavoro perle persone che ne accedono».«Mettiamo a disposizione le nostre più innovative soluzioni – aggiunge Sergio Mazzi, presidente diCariromagna – per dare nuovi strumenti alle famiglie e alle realtà economiche del nostro territorio,per contribuire alla crescita e allo sviluppo in questa difficile fase congiunturale».

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet