Vimi Fasteners taglia quest’anno il traguardo del 50° anno di attività.


REGGIO EMILIA 31 LUGLIO 2017 Vimi Fasteners taglia quest’anno il traguardo del 50° anno di attività nella progettazione e produzione di organi meccanici di fissaggio di alte prestazioni destinati ai motori e organi di trasmissione delle auto e dei veicoli industriali dei più prestigiosi costruttori del mondo.
L’azienda nasce nel ’67 a Reggio Emilia sotto il nome di “Viterie Mirabello” dal nome dello stadio comunale, conta 4 dipendenti, ma, rapidamente, si specializza nella fabbricazione di viti prigioniere e viti di altissime prestazioni rispondendo via via alle richieste sempre più stringenti delle evoluzioni tecniche e di standard di qualità ed affidabilità dei motori endotermici.
La scelta si rivela da subito strategica e Vimi si guadagna la fiducia, e gli ordinativi, delle aziende motoristiche della attuale Motor Valley che diventano il primo mercato di sbocco.
Di pari passo vengono introdotti in azienda nuove tecnologie, nuovi macchinari, si assume personale e la gamma di produzione si allarga alla bulloneria speciale realizzata su disegno della clientela sia in termini di geometrie, varietà di materiali che di performance.
Ormai lo spazio non è più sufficiente e, sul finire degli anni settanta, si trasferisce in una nuova sede a Novellara (RE).
I clienti aumentano e Vimi passa da una clientela locale ad una globale equipaggiando i motori delle più famose case automobilistiche del mondo.
Nel 2001 viene acquisita totalmente dalle famiglie Storchi che ne curano il posizionamento sul mercato, le strategie di crescita e di innovazione prodotto.
Oggi Vimi Fasteners conta circa 250 dipendenti con un fatturato di oltre 40 milioni di euro l’anno di cui la grande maggioranza per il mercato estero.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet