VERSO INDUSTRIA 4.0: IL PIANO CONFINDUSTRIA PER LA CRESCITA E L’INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DELL’EMILIA-ROMAGNA


BOLOGNA 10 FEBBRAIO 2017 NUOVI SCENARI E STRATEGIE PER IL GLOBAL MANAGEMENT è stato il tema dell’incontro promosso ieri a Bologna da Confindustria Emilia-Romagna nell’ambito del Piano “VERSO INDUSTRIA 4.0” per accompagnare le imprese nei processi di innovazione e sviluppo.

Nel corso dell’iniziativa, organizzata in collaborazione con SACE-SIMEST e Prometeia, sono stati delineati scenari e temi innovativi di grande rilievo per le strategie di posizionamento globale delle imprese emiliano-romagnole: il quadro geo-economico, le dinamiche dei mercati, i flussi di interscambio commerciale e degli investimenti esteri, modelli innovativi di marketing intelligence, digitalizzazione 4.0 del commercio estero ed export finance.

Il seminario ‒ al quale hanno partecipato circa 120 rappresentanti di imprese ‒ è stata l’occasione per presentare il progetto GLOBB-ER, promosso dal sistema regionale Confindustria e finanziato dall’Unione europea-FSE e dalla Regione Emilia-Romagna, che mette a disposizione delle imprese la possibilità di partecipare gratuitamente a seminari di informazione, corsi di formazione specialistica e di accompagnamento in azienda. Il Progetto fa parte del Piano “VERSO INDUSTRIA 4.0”, che comprende anche SMARTI-ER 4.0 dedicato alla digitalizzazione e GREEN UP-ER per l’economia circolare.

Sono intervenuti, dopo l’apertura dei lavori di Mariangela Spezia di Confindustria Emilia-Romagna e Ruben Sacerdoti della Regione Emilia-Romagna, la partner di Prometeia Alessandra Lanza, il professore dell’Università di Bologna Fabio Ancarani, il Segretario generale di Netcomm Giulio Finzi, il Direttore del Servizio Studi BNL Gruppo BNP Paribas Giovanni Ajassa, il Responsabile della Sede di SACE Bologna – Emilia-Romagna e Marche Stefano Bellucci.

“Per crescere, sostenersi, migliorarsi e affrontare le nuove sfide del futuro le imprese devono necessariamente proiettarsi sui mercati esteri” ‒ ha dichiarato Mariangela Spezia, rappresentante di Confindustria Emilia-Romagna ‒ in quanto la crescita del fatturato è sempre più trainata dall’export ed è sempre più marcato il differenziale tra domanda interna e domanda estera, a tutto vantaggio della seconda.

È importante aprire nuovi canali di vendita, filiali e presenze stabili all’estero, per controllare meglio la domanda, ridurre i rischi connessi al clima di instabilità di numerosi Paesi e aggirare dazi e barriere tecniche, che in alcuni Paesi sono tornati a crescere insieme a nuove forme di protezionismo commerciale. Tutto ciò ‒ ha concluso Spezia ‒ deve avvenire anche con il superamento delle forme tradizionali di intermediazione come distributori, buyers e società di trading, che rischiano di ridurre, a causa della crescente competizione internazionale, marginalità e capacità competitiva delle aziende. È fondamentale che le imprese adottino nuovi modelli di marketing intelligence e approfittino di tutti i vantaggi del commercio on line.”

“Per ridurre la forbice che si è creata nel sistema produttivo occorre aumentare il numero di player in grado di giocare sul mercato globale, attraverso politiche a sostegno di innovazione, internazionalizzazione, specializzazione e crescita che coinvolgano tutte le componenti di una filiera ‒ ha dichiarato l’Assessore alla Formazione e al Lavoro Patrizio Bianchi della Regione Emilia-Romagna ‒. È l’impegno preso col Patto per il Lavoro a cui diamo attuazione grazie a un investimento strategico del FSE  di 10 milioni di euro per la realizzazione, su tutto il territorio regionale, di seminari e azioni di sensibilizzazione, percorsi formativi e azioni mirate alle imprese per sostenere processi diffusi di digitalizzazione, internazionalizzazione e sviluppo sostenibile e il posizionamento competitivo della manifattura e del terziario. Destinatari degli interventi saranno oltre 11 mila imprenditori e manager, 30 mila le ore di formazione a disposizione e oltre 2.500 le aziende che saranno supportate nella definizione e implementazione delle proprie strategie di innovazione”.

“La storia del nostro territorio insegna che il primo fattore di successo sono le persone, in quanto uniche promotrici di processi innovativi e di cambiamento ‒ ha aggiunto l’Assessore regionale alle Attività produttive Palma Costi ‒. Per questo investire sulla crescita e la formazione continua delle persone diventa uno strumento indispensabile per le aziende di ogni settore e dimensione. Aziende che attraverso l’acquisizione di nuove competenze possono aprirsi a nuovi business e a nuovi mercati potendo cogliere nuove opportunità di crescita e sviluppo”.

“Il 2017 si apre all’insegna di un clima di incertezza economica e geopolitica che trova pochi precedenti storici – ha sottolineato Alessandra Lanza, Partner Prometeia e Responsabile della practice Strategie Industriali e Territoriali – per la concomitanza di eventi importanti come il ciclo elettorale europeo (elezioni primaverili in Francia e Olanda, autunnali in Germania), la Brexit, il neo-protezionismo americano di Trump, i molti fronti di conflitto ancora aperti in Medio-Oriente, il massiccio deflusso di capitali, l’affermarsi di proposte politiche populiste e la robotizzazione massiccia delle attività industriali e dei servizi. La combinazione a geometria variabile di due o più di questi fattori rende il panorama geo-economico del prossimo biennio estremamente incerto, soggetto ad una profonda volatilità e a repentini cambi di direzione. In questo contesto, una previsione non può che immaginare scenari a medio termine in continuità con le scelte di politica economica che hanno consentito di raggiungere i livelli di sviluppo, benessere e integrazione commerciale come li conosciamo oggi. Tenendo però ben a mente gli scenari di rischio che bisogna essere pronti a fronteggiare. È questo lo spirito – ha proseguito Lanza – dei nostri imprenditori che oggi, molto più che negli scorsi trent’anni, impersonano gli ‘animal spirits’ schumpeteriani nella competizione per l’innovazione e l’affermazione sui mercati globali. In questo senso le imprese emiliano-romagnole hanno costantemente mostrato una capacità esportativa superiore alla media delle imprese italiane, staccandole di quasi un punto e mezzo negli ultimi 5 anni, con eccellenze settoriali nella filiera automotive, nella meccanica e nel sistema moda. Il potenziale rimane tuttavia ancora ampio e un riposizionamento geografico sui mercati più attrattivi nel prossimo biennio potrebbe portare nelle casse delle nostre imprese 2,4 miliardi di euro aggiuntivi: come creare un intero nuovo settore alimentare emiliano-romagnolo! Per crescere sarà importante proteggersi dai rischi con determinazione ed incisività, imparando a considerare le forme di tutela e garanzia non come dei costi, ma come investimenti”.
Nel suo intervento al convegno Giovanni Ajassa, Direttore del Servizio Studi BNL Gruppo BNP Paribas, ha affermato che “lo scenario 2017 si rivela più impegnativo di quanto previsto. La sfida americana al multilateralismo e la tendenza, comunque già da tempo evidente, ad una decelerazione degli scambi internazionali impone alle imprese e alle banche di fare insieme un salto di qualità. Più qualità, più innovazione, più valore aggiunto per continuare a trarre dall’internazionalizzazione una spinta allo sviluppo. Non può che essere questa la via da percorrere, imprese e partner bancari insieme, in un territorio quale quello dell’Emilia-Romagna da sempre vocato all’apertura sul mondo, sia in termini di commerci che di investimenti diretti”. “Non dimentichiamo – ha proseguito Ajassa – che con 56 miliardi di euro di vendite annue oltre confine l’Emilia-Romagna rappresenta il 14 per cento di tutto l’export italiano e gli Stati Uniti costituiscono il 10% dell’export della regione. Da queste basi di forza occorre continuare ad esportare, continuare a fare e attrarre investimenti verso e dall’estero. Le maggiori complessità devono servire da stimolo per un approfondimento delle partnership tra imprese e banche, tra imprese competitive, che non saranno fermate da un dazio più alto, e da banche dotate di una forte proiezione internazionale”. BNL Gruppo BNP Paribas ha una collaborazione pluriennale con Confindustria Emilia-Romagna sui temi dell’internazionalizzazione, anche grazie all’appartenenza ad un gruppo come BNP Paribas, attivo in oltre 70 paesi nel mondo.

“L’Emilia-Romagna e le sue aziende – ha dichiarato Stefano Bellucci, Responsabile della Sede SACE a Bologna – hanno sempre raccolto e vinto la sfida complessa offerta dai mercati internazionali. SACE e SIMEST conoscono bene il potenziale delle realtà presenti in questa regione, dove insieme – solo nell’ultimo anno – hanno seguito quasi 3.000 imprese con circa € 3 miliardi di operazioni di export assicurate, investimenti garantiti, partecipazione nel capitale e finanziamenti per l’internazionalizzazione. Un dato rilevante che rafforza le nostre previsioni di crescita nel medio-lungo termine. Oggi il nostro impegno diventa ancora più importante, grazie al lavoro di squadra che come SACE, SIMEST e Cassa depositi e prestiti abbiamo realizzato: una “porta unica” per l’export e l’internazionalizzazione per essere ancora più raggiungibili dalle imprese che vogliono crescere nel mondo insieme a noi”.

I promotori del Piano “VERSO INDUSTRIA 4.0” rappresentano la comunità imprenditoriale e scientifica dell’Emilia-Romagna e del Paese: le Confindustrie e Unioni Industriali della regione, Confindustria Ceramica, Ance Emilia-Romagna, il CSC-Centro Studi Confindustria, Assinform, Farmindustria, Federalimentare, Federchimica, Ucima, Ucimu, Prometeia, Sace Simest, Bologna Business School, Centro di ricerca interuniversitario SEEDS, Cineca e tutte le Università dell’Emilia-Romagna.

I soggetti attuatori ‒ a cui rivolgersi per informazioni sulle attività formative e di accompagnamento ‒ sono i centri formativi di riferimento delle Confindustrie ed Unioni Industriali dell’Emilia-Romagna: Formindustria Emilia-Romagna (titolare delle Operazioni), Assoform Romagna, Centoform, Cerform, CIS, Cisita, Consorzio Ferrara Innovazione, Fondazione Aldini Valeriani, Formedil Emilia-Romagna, Forpin, Il Sestante Romagna, Nuova Didactica.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet