UNITECOATING GROUP: FAMIGLIA ANTOLOTTI RILEVA QUOTE MINORI DA FONDI E SALE AL 100%


PARMA 21 DCIEMBRE 2017 – Nelso Antolotti e la figlia Linda, assistiti da Credit Suisse e dallo studio legale Gattai, Minoli, Agostinelli&Partners e con il supporto di un pool di banche guidato da Credit Agricole e Bnp Paribas, hanno acquisito le quote di minoranza detenute dai fondi gestiti da Edmond de Rothschild Investment Partners e dai fondi gestiti da Neuberger Berman nella Turbocoating, societa’ a capo del gruppo Unitedcoatings di Rubbiano di Solignano (Parma), attivo nell’applicazione di tecnologie di deposizione a spruzzo termico di rivestimenti (coating). La famiglia Antolotti, si assicura dunque il controllo del 100% del capitale del gruppo fondato dallo stesso Nelso Antolotti nel 1973 e tutt’ora presidente esecutivo. L’obiettivo per i prossimi anni e’ consolidare la crescita conseguita e continuare a investire in ricerca e sviluppo tecnologico – il gruppo attraverso la controllata Artec e’ attivo anche nella progettazione di coating equipment – perseguendo un ulteriore percorso di sviluppo in Italia e all’estero nei settori di riferimento. Il fatturato del gruppo e’ passato da circa 40 milioni di euro nel 2011 a oltre 100 milioni di euro previsti per il 2017 (per circa l’80% conseguiti all’estero fornendo i propri servizi ai principali OEM internazionali), anche grazie ad un piano di investimenti industriali realizzati negli ultimi anni pari a circa 60 milioni di euro e incrementando l’organico da circa 300 a circa 600 dipendenti (con 5 stabilimenti in Italia, 4 negli Stati Uniti ed 1 in Cina di recente costruzione) posizionandosi come uno dei piu’ cospicui e solidi riferimenti a livello mondiale nelle tecnologie di coating, la cui continua innovazione e’ il singolo elemento chiave che consente il miglioramento delle performance dei materiali. Edmond de Rothschild Investment Partners e il Fondo Italiano di Investimento – il cui portafoglio di partecipazioni e’ recentemente stato acquisito dai fondi gestiti da Neuberger Berman – avevano investito in Turbocoating all’inizio del 2013 per ricompattare la compagine degli azionisti intorno a un ambizioso progetto di crescita organica ed evoluzione organizzativa che ha consentito di cogliere le significative prospettive di sviluppo basate sui solidi macrotrend sottostanti ai settori in cui il gruppo opera.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet