UNIPOL: ANTITRUST REVOCA A MEDIOBANCA VINCOLI LEGATI A OPERAZIONE FONSAI


bologna 13 nov 2018 L’Antitrust con una delibera ha deciso di revocare quasi tutte le misure previste nei confronti di Mediobanca al tempo della complessa operazione che ha portato Unipol ad acquisire la galassia assicurativa Fondiaria Sai. E’ quanto si legge nell’ultimo bollettino Antitrust. La decisione arriva dopo la richiesta di revoca presentata da Mediobanca all’Autorita’ Garante della Concorrenza lo scorso 23 maggio. Al centro ci sono le misure a suo carico disposte dall’Autorita’ con la delibera del 19 giugno 2012. Nell’ambito del salvataggio di FonSai, infatti, l’Antitrust aveva imposto diversi obblighi a Mediobanca chiamata, di fatto, a sciogliere legami di ogni tipo con la nuova galassia Unipol e ad astenersi dal stringerne di nuovi negli anni successivi. Tra i divieti anche quello di ‘non acquistare – sino a quando, oltre tale termine, permarra’ il controllo di fatto di Mediobanca su Generali – partecipazioni azionarie in Finsoe, Unipol Gruppo Finanziario o altre societa’ facenti parte del gruppo stesso’. Ma nel frattempo, scrive ora l’Antitrust, lo scenario e’ completamente cambiato ‘in maniera tale da rendere possibile la revoca delle misure’ come richiesto da Mediobanca. Le misure, si legge, ‘erano finalizzate a evitare l’alterazione degli equilibri concorrenziali nei mercati assicurativi interessati dall’operazione’. Il focus era sia sui legami esistenti tra Unipol pre merger e Mediobanca, sia tra Mediobanca e Generali. L’obiettivo, al tempo, era quello di evitare che ‘si attenuassero le dinamiche concorrenziali’ tra le societa’ del settore assicurativo (il riferimento era alla allora affermata sussistenza del controllo di fatto esclusivo di Mediobanca su Generali). Oggi, al contrario, ‘va considerato che le misure imposte dall’Autorita’ nei confronti di Ugf hanno avuto concreta attuazione’ e che ‘allo stato attuale appaiono essere venuti sostanzialmente meno i legami societari, personali e creditizi che, direttamente o per il tramite di Mediobanca, avrebbero potuto ingenerare il rischio che si instaurassero collegamenti di tipo stabile e quasi strutturale tra Ugf e Generali’. In virtu’ di queste considerazioni, la nuova situazione ‘consente di accogliere l’istanza di Mediobanca’.

Riproduzione riservata © 2019 viaEmilianet