Unindustria Reggio Emilia incrementa il sostegno alle piccole imprese per orientarsi sui mercati esteri


REGGIO EMILIA 7 SETTEMBRE 2017 Unindustria Reggio Emilia presenta un nuovo servizio volto a incrementare il supporto per le aziende in ambito internazionale. Il progetto, chiamato ?Where, ha l’obiettivo di fornire assistenza nell’orientamento verso il mercato ideale per ogni specifico prodotto.
Attraverso un software evoluto, sviluppato da una società partner del progetto, chiamata StudiaBo srl, l’Associazione offre alle imprese l’opportunità di accedere ad una serie di analisi, basate sull’elaborazione delle principali banche dati di fonte pubblica, per misurare quali possono essere le potenzialità di vendita dei prodotti in ogni settore e sui diversi mercati. L’attivazione del primo servizio sarà completamente finanziata e gestita da Unindustria.

“L’export e la proiezione internazionale rappresentano l’elemento trainante della nostra economia. Se le medie e grandi aziende sono ben strutturate da questo punto di vista, le imprese più piccole hanno necessità essere guidate e affiancate fin dalla prima fase di conoscenza dei mercati esteri – così il vicepresidente di Unindustria, delegato all’internazionalizzazione, Paolo Bucchi motiva la scelta di questo nuovo servizio – L’individuazione del Paese target rappresenta il primo aspetto da affrontare nella costruzione di una strategia di internazionalizzazione e deve essere condotta in modo analitico, minimizzando al massimo il rischio di sbagliare. A questo importante passo seguiranno le decisioni relative alla strategia da scegliere, ai prodotti e ai servizi da proporre, il prezzo da applicare, la comunicazione da adottare, vale a dire tutte le variabili di cui occorre tener conto in un’azione di marketing internazionale”.

Avvalendosi del progetto “?Where” l’impresa potrà infatti avere, partendo dal codice identificativo del prodotto in esame, un’analisi storica e previsiva dell’evoluzione dello specifico commercio estero, a livello europeo o mondiale, potrà conoscere le caratteristiche di un mercato definito e analizzato in termini di Paese e prodotto e, infine, avrà un’analisi delle strategie e del posizionamento dei principali competitor esteri su uno specifico Paese.

“Ci auguriamo che questa nuova proposta di assistenza possa rappresentare dunque uno stimolo in più per le piccole imprese non avvezze ad un approccio che supera i confini nazionali ed un supporto ancora più specifico invece per le aziende più grandi che vogliono ampliare i propri orizzonti di azione” – conclude Bucchi.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet