UNIECO AMBIENTE VICINA A UN NUOVO ASSETTO SOCIETARIO


REGGIO EMILIA 11 LUGLIO 2018 A fine mese dovrebbe prendere avvio la procedura per la cessione del ramo ambientale di Unieco. In vista di questo passaggio sono stati presentati i dati del bilancio 2017 e il piano di investimenti del primo gruppo privato italiano del settore. Dati che saranno approfonditi mercoledì prossimo, ad Emiliawine di Arceto, in un convegno promosso da Unieco Holding Ambiente.
“La holding Unieco Ambiente nel 2017 ha realizzato un fatturato di 80 milioni di euro, con un utile netto di 3,6 milioni”. L’amministratore delegato Stefano Carnevali fotografa la situazione di Unieco Holding Ambiente, un ramo di quello che fu il colosso cooperativo finito poco più di un anno fa in liquidazione coatta amministrativa. Il ramo che si occupa di trattamento e intermediazione di rifiuti speciali, di bonifica e messa in sicurezza di siti inquinanti, di servizio integrato di rifiuti urbani. Con 26 società partecipate – private o pubblico-private – presenti in 7 regioni, una settantina di dipendenti a Reggio Emilia, la parte non solo viva, ma in piena salute e appetibile sul mercato.
A fine mese il commissario liquidatore di Unieco, il commercialista Corrado Baldini, avvierà le procedure per la vendita della holding Ambiente, al vertice nel settore a livello nazionale. In vista di questa tappa, l’azienda organizza un appuntamento – un convegno in programma mercoledì prossimo ad Arceto – per far conoscere ai potenziali acquirenti i risultati raggiunti e gli investimenti programmati per i prossimi tre anni. Con un’immagine simbolica a fare da filo conduttore: quella del calabrone, che, a dispetto delle leggi dell’aerodinamica, vola e continuerà a volare.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet