TECNOINVESTIMENTI: CEDACRI AL 5,6%


COLLECCHIO 27 OTTOBRE 2017 Il Cedacri di Collecchio (Pr), centro servizi informatici per le banche, possiede il 5,6% di Tecnoinvestimenti, quota detenuta come diretta proprieta’. E’ quanto emerge dagli aggiornamenti della Consob
Cedacri, che fornisce servizi in outsourcing a circa 150 tra istituzioni e assicurazioni italiane, nel 2016 ha registrato un fatturato in crescita del 7%, a 225 milioni, con un Ebitda di 30 milioni circa.

Tra i soci di Cedacri spiccano Banca Mediolanum (15,6%), Banca Popolare di Bari (8,2%), Cassa di Volterra (8%), Cr Asti (7,86%), Unipol Banca (7,5%), Banco Desio (7,12%), Bper (che ha acquisito la quota di Carife, 6,5%), CariBolzano (6,5%), Ubi (a cui è andata la quota di B. Etruria, 4,6%), Banca del Piemonte (4,2%) e Credem (3,9%).
Cedacri ha lanciato l’ipotesi di cedere una quota di minoranza, compresa tra il 20 e il 40% del totale. Sono arrivate otto offerte non vincolanti. Di queste, cinque sarebbero state ammesse alla data room.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet