I soci delle Bcc si esprimono sulla fusione Parma-Vergato-Emil Banca


BOLOGNA 19 OTTOBRE 2017 Si troveranno domenica 22 ottobre, dalle 9 del mattino, al Palazzo dello Sport di Casalecchio di Reno (via G.Cervi,2), nel bolognese, i soci di Emil Banca chiamati a decidere sulla fusione per incorporazione della Banca di Parma e della Bcc di Vergato.
Sono circa 44 mila i soci di Emil Banca, provenienti da tutta l’Emilia-Romagna, che potranno esprimersi sul progetto di fusione: ben 11 pullman partiranno dalle diverse aree di competenza della banca (le provincie di Bologna, Modena, Ferrara, Parma, Reggio Emilia e Mantova) per portarli al Palazzo dello Sport di Casalecchio e riportarli a casa una volta terminati i lavori.
Contemporaneamente, allo Starhotels Du Parc di Parma (Viale Piacenza, 12/c) si terrà l’assemblea della Banca di Parma (1800 soci e una filiale) mentre al Cinema Nuovo di Vergato (Via G. Garibaldi, 3) si terrà quella della Bcc di Vergato (circa 1500 soci e 4 filiali, tutte nell’Appennino bolognese).
Se tutte e tre le Assemblee Straordinarie daranno il via libera al progetto, la fusione avrà decorrenza dal prossimo 1 dicembre.
Dopo questa operazione Emil Banca potrà contare su 47.300 soci e circa 155 mila clienti di cui ben 22.380 aziende locali. Il patrimonio ammonterà a 341 milioni di euro di cui 105 milioni costituiti da capitale sociale mentre i mezzi amministrati raggiungeranno circa i 7,37 miliardi di euro (2,6 miliardi di euro di impieghi e 4,8 miliardi di euro di raccolta). Le filiali della Banca saranno 89 ed i dipendenti 734. Il territorio di competenza vedrà un consolidamento della presenza su Parma e un allargamento nell’alta valle del Reno, nell’Appennino Bolognese, dove Emil Banca è già presente e radicata.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet