SCORDAMAGLIA (FEDERALIMENTARE) Alimentare fuori dal tunnel


MODENA 20 MARZO 2017 Alimentare fuori dal tunnel. Dopo un 2016 con produzione ed export in crescita ma con consumi piatti, il 2017 promette un miglioramento generalizzato degli indici: più valore, un’accelerazione delle esportazioni e più domanda interna. Queste almeno le previsioni del presidente di Federalimentare, Luigi Scordamaglia, che, ieri a Milano, ha ribadito la ferma opposizione al progetto dell’etichettatura a semafori e ha indicato il decreto legge sull’indicazione dello stabilimento di produzione come penalizzante per i produttori italiani e ingannevole per i consumatori. 
Quest’anno il fatturato dell’industria dovrebbe aumentare dell’1,5% a 134 miliardi, l’export del 5% a 31,5 miliardi e i consumi dello 0,3% (al netto dell’inflazione) a 231 miliardi. «Dopo quattro anni di stagnazione a quota 132 miliardi, fenomeno senza precedenti dal dopoguerra – osserva Scordamaglia – la produzione dovrebbe ripartire e raggiungere i 134 miliardi. L’export invece, in assenza di forti turbative internazionali, dovrebbe posizionarsi su un passo attorno al 5%. Più vicino all’obiettivo dei 50 miliardi entro il 2020».

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet