Sabe Engineering for Plastics amplia stabilimento Correggio


CORREGGIO 19 MARZO 2019 Sabe Engineering for Plastics Srl, storica azienda di Correggio del settore plastico, amplia lo stabilimento produttivo con un nuovo sito logistico, con l’obiettivo di aumentare la propria capacità produttiva. Da metà marzo è operativo il nuovo magazzino, attiguo a quello attuale, realizzato con scaffalature antisismiche all’avanguardia per migliorare la qualità e la sicurezza del lavoro degli operatori.
Con l’inaugurazione del nuovo magazzino, l’attività di Sabe si svilupperà su circa 5.000 mq di superficie produttiva. La riorganizzazione degli spazi, con l’inserimento di nuove presse e l’ammodernamento di macchinari e attrezzature, permetterà di rendere più efficiente il processo produttivo, aumentare l’offerta di servizi innovativi e di conseguenza la competitività dell’azienda.
Sostenuta dai soci fondatori e da un management giovane ed intraprendente, Sabe ha scelto così di investire sul territorio per cogliere le opportunità della ripresa economica, come confermail Presidente Andrea Bertani: “L’elemento che ci ha portato ad investire a Correggio è la fiducia in questa terra, nella cultura, nelle competenze che qui sono così radicate e nella possibilità di fare innovazione. Questo luogo ha donato all’Azienda preziosi collaboratori che l’hanno traghettata verso la sua crescita. Per questa ragione manteniamo nella nostra visione imprenditoriale la volontà di restituire posti di lavoro e di implementare un circolo virtuoso che possa portare benessere alla collettività e dare lustro a questo distretto plastico.”
Nata nel 1978, Sabe produce stampi ad iniezione, conto terzi, e si occupa dello stampaggio di svariate tipologie di tecnopolimeri. Oggi conta 80 collaboratori e offre un servizio ad alto contenuto tecnico personalizzato che risponde in modo completo alle esigenze di industrializzazione dei clienti, trasformando le idee in componenti plastici dall’elevato valore aggiunto. L’azienda ha perseguito una solida strategia di crescita volta da un lato ad ampliare i servizi offerti e dall’altro ad esplorare nuovi settori in cui mettere in gioco il proprio know-how. Una politica orientata allo sviluppo e alla riduzione del rischio tramite la differenziazione.
Conclude Bertani: “Siamo certi che gli sforzi che stiamo compiendo saranno ripagati da brillanti risultati. Presto vedremo un’azienda diversa: dinamica, innovativa, ma forte delle solide basi costruite negli ultimi 40 anni.”

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet