REGIONE ER UNIONCAMERE ER Destinazione Golfo Persico


BOLOGNA 2 SETTEMBRE 2016 Una cerniera tra Oriente e Occidente. E’ il ruolo degli Emirati Arabi Uniti, sempre più frontiera per il business anche in previsione di Expo 2020 che si terrà a Dubai.
Per aiutare le imprese emiliano-romagnole a cogliere le crescenti opportunità nell’area è stato ideato il progetto “Verso EXPO 2020 Dubai: innovazione dell’Abitare/Costruire e del settore wellness nei Paesi del Golfo Arabico” promosso dall’Azienda Speciale SIDI Eurosportello della Camera di commercio di Ravenna, in collaborazione con Unioncamere Emilia-Romagna e il sistema camerale regionale, co-finanziato dalla Regione.
Nell’ambito del progetto, nelle giornate del 21 e 22 ottobre (dalle ore 9.30 alle ore 16), alla manifestazione Saie 2016 nel quartiere fieristico di Bologna, sono in programma incontri di affari tra aziende del settore edilizia, costruzioni, abitare che avranno l’occasione di presentare prodotti e servizi, oltre a sviluppare opportunità d’investimento, partenariati e forme di collaborazione industriale con operatori (contractor, distributori, architetti/interior designer) provenienti dai Paesi del Golfo Persico (Qatar, Arabia Saudita, Kuwait, Emirati Arabi Uniti, Oman, Bahrein).
Tutti i costi sono a carico degli organizzatori quindi la partecipazione agli incontri B2B è gratuita.
Mancano poco meno di tre mesi all’evento, realizzato in collaborazione con la Fiera di Bologna, ma è consigliato inviare la richiesta di adesione, entro il termine di lunedì 5 settembre alla Camera di commercio territoriale di appartenenza. Gli incontri saranno riservati infatti a un massimo di 30 aziende produttrici selezionate secondo alcuni criteri: ordine cronologico di arrivo delle schede di adesione e check-up dei profili aziendali da parte del Desk Emirati Arabi e uffici incaricati.
Il “matchmaking” consentirà di verificare l’effettiva opportunità di business delle singole produzioni in relazione ai mercati considerati e di selezionare le aziende con feedback positivo.
Sul sito di Unioncamere Emilia-Romagna, la circolare che illustra le modalità di partecipazione.

L’obiettivo generale del progetto, articolato in precisi passaggi, è di accompagnare le imprese della filiera dell’abitare-costruire in un percorso di internazionalizzazione personalizzato nell’area del Golfo Persico, per sviluppare opportunità commerciali e relazioni economiche stabili e durature.
Tra le attività previste dal progetto a supporto dell’impresa, possono essere richieste il servizio di assistenza specialistica – SAS – e il report IER, un innovativo strumento di analisi e business intelligence che fornisce un orientamento strategico.
“Le aziende italiane hanno davanti una sfida che esige, per essere vinta, un approccio ‘scientifico’– spiega Giovanni Casadei Monti, direttore Eurosportello – Di qui un percorso a tappe con azioni di informazione e accompagnamento al mercato e promozionali. In particolare, il servizio di assistenza specialistica è uno strumento personalizzato per una ricerca partner mirata negli Emirati Arabi Uniti e in Qatar con l’obiettivo di entrare o sviluppare il proprio business”.
Il servizio di assistenza specialistica permette all’azienda di acquisire informazioni direttamente sul mercato e selezionare i contatti più interessanti oltre ad approfondire o consolidare contatti.
Dal punto di vista operativo il servizio si sviluppa in 5/6 settimane attraverso una serie di azioni specifiche che sono strutturate in due fasi. Innanzitutto una pre-indagine che consiste nel selezionare potenziali interlocutori in loco, attivare primo contatto di presentazione dell’azienda a circa 15/20 operatori individuati tra quelli in linea con il target dell’azienda italiana, sondare l’interesse a un incontro, riportare il relativo feedback in merito ad un eventuale interesse ad incontrare l’azienda. In seconda battuta, l’organizzazione di un viaggio di affari con agenda di appuntamenti in loco in forma di visita aziendale nella sede dei potenziali partner.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet